Riuscite a immaginare un mondo senza pane? A causa della crisi climatica, è già presente.

da | Set 9, 2021 | Blog, Notizie e aggiornamenti | 0 commenti

di Magda Noszczyk
Movimento Laudato Si’ 

Vediamo l’Eucaristia, questo pezzo di pane speciale, sui manifesti e ovunque si guardi. L’Eucaristia è così importante per noi cattolici. Ma riuscite a immaginare un mondo senza pane?

Riuscite a immaginare un mondo in cui non si abbiano  i cereali per fare la farina, poi l’impasto e infine il pane. Riuscite a immaginare le parole della preghiera: “Dacci oggi il nostro pane quotidiano”, in un mondo che non ha pane?

Ma in tutto il mondo, proprio ora, in questa Giornata del Creato molto speciale, al 52° Congresso Eucaristico Internazionale, ci sono persone senza pane.

Parlo dei ragazzi e delle loro famiglie che vivono nelle strade delle più grandi capitali d’Europa; degli agricoltori in Asia che perdono i raccolti a causa di inondazioni e valanghe di fango; e degli agricoltori locali del Corno d’Africa che mancano di cibo a causa della grave siccità.

Scarica qui la preghiera per la Giornata del Creato 

La povertà nel mondo sta peggiorando perché il nostro clima sta cambiando, a causa della crisi climatica.

Lavoro per il Movimento Laudato Si’ , un movimento guidato dallo Spirito che unisce cattolici – ma non solo cattolici – e organizzazioni cattoliche di tutto il mondo.

Il nostro precedente nome era Movimento Cattolico Mondiale per il Clima, che descriveva esattamente chi eravamo. Il nostro nuovo nome, Movimento Laudato Si’, è più potente ed è una preghiera. Ogni volta che dici “Laudato si'”, reciti una preghiera

In questo movimento, poiché cerchiamo l’unità nella diversità, i membri dell’organizzazione e della base si uniscono per pregare, collaborare e mobilitarsi in risposta al “grido della terra e al grido dei poveri”.

La nostra missione è ispirare e mobilitare la comunità cattolica affinché si prenda cura della nostra casa comune e realizzi la giustizia climatica ed ecologica.

In tutto il mondo, ogni giorno il nostro staff,  partner di base,  gli Animatori Laudato Si’, e numerosi volontari incontrano persone che non hanno pane, persone che soffrono a causa della crisi climatica.

In Europa, vediamo persone che soffrono a causa di economie che esitano ad abbandonare i combustibili fossili e assistiamo a siccità e inondazioni storiche che colpiscono le comunità e distruggono l’agricoltura in tutto il continente.

In Asia, lavoriamo contro l’estesa monocoltura agricola, la deforestazione e l’emergenza climatica che provoca il caos attraverso tempeste sempre più forti e l’innalzamento dei mari.

In Oceania, ascoltiamo il grido della Terra attraverso l’estrazione e la perforazione del fondo oceanico, nonché il peggioramento dell’acidificazione degli oceani.

In Nord America, lavoriamo in modo che milioni di persone in più vivano e non muoiano a causa della scarsa qualità dell’aria. In Sud America, siamo al fianco dei più vulnerabili, dei più colpiti dall’inquinamento idrico, dall’aumento della deforestazione e dal crescente numero di conflitti per la terra rivolti alle popolazioni indigene.

Ma non sono venuta qui semplicemente per condividere messaggi di sventura sul nostro mondo che è senza pane. Sono venuta qui per condividere le storie dei nostri fratelli e delle nostre sorelle che hanno bisogno di aiuto. Perché dietro ogni storia c’è una persona – un ragazzo o una ragazza o una mamma o un papà – e quella persona sta soffrendo. Queste persone sono il grido dei poveri che papa Francesco ci chiede di ascoltare.

In questa incredibile Giornata del Creato, sono venuta qui anche per diffondere la speranza, la stessa speranza che noi cattolici otteniamo dall’Eucaristia ogni volta che celebriamo la nostra Santa Messa.

Come persone di fede, abbiamo sempre speranza. Per citare Papa Francesco nella

Laudato si’, “La speranza vorrebbe farci riconoscere che c’è sempre una via d’uscita, che possiamo sempre reindirizzare i nostri passi, che possiamo sempre fare qualcosa per risolvere i nostri problemi.”

Ho speranza perché i cattolici di tutto il mondo si stanno unendo per difendere la nostra casa comune firmando la petizione “Pianeta Sano, Persone Sane”. La petizione è un modo potente per alzare una voce unita in vista dei due importanti vertici delle Nazioni Unite, tra cui la 26esima Conferenza delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici a Glasgow, che si svolgerà entro la fine dell’anno.

Ho anche speranza perché proprio ora, in tutto il mondo, i cattolici si stanno riunendo con i  nostri fratelli e le nostre sorelle cristiani per pregare e agire durante il Tempo ecumenico del Creato.

Quindi, unitevi a me  a nell’avere speranza per tutto ciò che facciamo, affinché  il nostro mondo e tutti i nostri fratelli e le nostre sorelle sorelle possano sempre avere pane.

Magda Noszczyk del Movimento Laudato Si’ è intervenuta alla Giornata del Creato al 52° Congresso Eucaristico Internazionale. Questo testo è tratto dal suo discorso.

Scopri di più sulla Giornata del Creato e il  52° Congresso Eucarístico Internazionale:

  • Scarica qui la preghiera speciale per la Giornata del Creato al Congresso Eucaristico Internazionale in diverse lingue. La preghiera è stata scritta da Mons. János Székely, Presidente della Commissione Caritas in Veritate della Conferenza Episcopale Ungherese. La preghiera è ispirata dalla Laudato si’ di Papa Francesco e dal concetto di condivisione di “mensa della Creazione” dal messaggio per la Quaresima del 1992 di San Giovanni Paolo II e può essere usata da famiglie e comunità come preghiera prima dei pasti.
  •  Inizia a Budapest il 52° Congresso Eucaristico Internazionale
Laudato Si’ Movement
Laudato Si’ Movement

3 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments