Non riuscivo a trovare alcuna attività cattolica nella mia arcidiocesi per la cura della creato. Questo mi ha dato l’idea.

da | Set 14, 2021 | Blog, Notizie e aggiornamenti | 0 commenti

È una frase che probabilmente pronunciamo ogni settimana, o anche ogni giorno, nella nostra vita negli ultimi dieci anni: “Cerchiamolo su Google”.

Quindi, proprio come ci rivolgiamo a Internet ogni volta che qualche fatto o statistica ci sfugge in una conversazione amichevole, questo è stato il mio primo impulso quando, inizialmente, ho sentito la chiamata a partecipare a una sorta di azione o attivismo per il clima.

Ho inserito “Cattolicesimo” più “cambiamento climatico” più “Filadelfia” e non ho trovato… assolutamente nulla.

Poi ho cercato sul sito web dell’arcidiocesi per vedere se esistesse un comitato, un’iniziativa o una persona di riferimento dedicata a questo urgente problema esistenziale. Non c’era, e quello è stato un momento di chiarezza.

Mentre la Chiesa cattolica gode di una tradizione secolare di insegnamento della spiritualità ecologica— magnificamente articolata e espressa in maniera impressionante dalla lettera enciclica di Papa Francesco Laudato Si’   – il mio senso di urgenza riguardo alla questione non è stato, a dire il vero, inizialmente, alimentato dalla mia fede.

Avevo letto il lavoro magistrale di Naomi Klein This Changes Everything, un’avvincente esposizione degli orrori della crisi climatica e della sua connessione con una serie di altri problemi di giustizia sociale nel tardo capitalismo.

Sono stato anche commosso dal sobrio insegnamento di Joanna Macy sulla “speranza attiva”, l’idea che la fede nel nostro pianeta in disfacimento può avere senso solo se un numero sufficiente di noi segue le proprie convinzioni all’azione.

Queste doppie ispirazioni, insieme ad altri miei impegni politici nella seconda metà dell’ultimo decennio, sono state sufficienti a spronarmi ad agire.

Ma ci è voluta una vera riflessione sulla mia vocazione personale prima di contribuire a creare un’organizzazione che aiutasse a guidare gli sforzi sulla cura del creato a Filadelfia, negli Stati Uniti.

Mi sono reso conto che il mio contesto personale e professionale, come ex gesuita e cappellano interreligioso della salute, era la Chiesa cattolica.

Dopo aver completato il programma Animatori del Movimento Laudato Si’, che termina con lo sviluppo di un progetto o di un’azione per il clima, io e un collega abbiamo redatto una lettera aperta al nostro arcivescovo chiedendogli di istituire un’iniziativa diocesana per la cura del creato.

Anche con più di 100 firmatari, non eravamo sicuri di avere successo. I bilanci diocesani sono ristretti e i vescovi sono, anche nei momenti migliori, sopraffatti dalle responsabilità.

Con nostro sollievo e gratitudine, il nostro arcivescovo ha benedetto il nostro impegno, ci ha incaricato di guidare questa iniziativa e ci ha dato il permesso di lavorare direttamente con il suo vicario generale, molto disponibile e solidale.

“Sono grato a questa squadra per aver sviluppato EcoPhilly”, ha detto in seguito l’arcivescovo Pérez. “Per favore, impegnatevi in questi sforzi per prendervi cura della creazione di Dio. Condividiamo tutti il dovere personale e sociale di ascoltare la chiamata del Santo Padre”.

GUARDA: l’Animatore Laudato Si’ Animator Nicholas Collura condivide la storia di EcoPhilly

Certo, non è così semplice. Ci vuole molto tempo e tanto lavoro per creare qualcosa di nuovo, tanto meno per ispirare l’azione, e la diocesi non ha le risorse finanziarie per remunerarci per il tempo e il lavoro che abbiamo speso in questo progetto.

D’altra parte, continuiamo a incontrare persone entusiaste di fare la loro parte. Siamo rimasti sbalorditi nel vedere quanto vi sia tra i fedeli il desiderio di un’azione significativa per il clima. E come scrive Papa Francesco nella Laudato Si’: «Basta un uomo buono perché  ci sia speranza!». (LS 71)

Istituzioni partecipanti a EcoPhilly

Il nostro obiettivo finale a EcoPhilly è che ogni parrocchia, scuola e istituzione cattolica della diocesi abbia in atto una sorta di iniziativa per la cura del creato. In questo senso, non stiamo producendo molti contenuti quanto organizzando e mettendo in rete le incredibili risorse e l’ingegnosità di altre persone.

Ci auguriamo che, affrontando la crisi climatica a questo livello istituzionale, il messaggio si diffonda in due direzioni: agli individui di ciascuna di queste comunità di fede verrà regolarmente ricordata l’importanza di questa causa e, se si unirà un numero sufficiente di squadre verdi, la leadership diocesana sarà ispirata a fare propria questa questione, come nel caso della Diocesi di Richmond, Virginia, USA, che si è impegnata in una leadership audace ed ha avuto grande visibilità.

Da quando abbiamo iniziato, abbiamo ispirato numerosi individui e gruppi a portare la loro voce sui media cattolici, riunire gruppi di cura del creato, impegnarsi in iniziative di piantumazione di alberi, fare rete con gli altri, introdurre ritiri sostenibili ed eco-spirituali e altro ancora.

E abbiamo davvero appena iniziato. Sappiamo bene quanto lavoro ci sia ancora da fare, ma crediamo che molto possa succedere fintanto che tutti danno un piccolo contributo.

A tal fine, ci piacerebbe dialogare con altri che desiderano avviare un’iniziativa simile nelle proprie comunità o avere risorse, storie o buone pratiche da condividere dalla propria esperienza. Possiamo anche dialogare con Google a vicenda!

Non esitare a contattarci via  email su [email protected] o visita il nostro sito web per entrare in contatto con noi. Non possiamo fare questo lavoro da soli.

“La conversione ecologica che si richiede per creare un dinamismo di cambiamento duraturo è anche una conversione comunitaria” (LS 219).

Approfondisci:

Nicholas Collura
Nicholas Collura

Nicholas Collura, MDiv, é un Animatore Laudato Si’, cappellano specializzato in pastorale della salute, e direttore spirituale affiliato al Centro St. Raphaela a Haverford, PA, Stati Uniti.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments