L’Incontro Laudato Si’ Ottobre 2021

da | Ott 8, 2021 | Blog, Notizie e aggiornamenti | 0 commenti

Intenzione mensile

“Credo che Francesco sia l’esempio per eccellenza della cura per ciò che è debole e di una ecologia integrale, vissuta con gioia e autenticità” (LS 10).

a cura del  Diacono Clayton Nickel
Consulente Spirituale del Movimento Laudato Si’ 

Dio vivente, tu che ci chiami ad essere buoni custodi di questa casa terrena, fortificaci per aver cura della tua creazione; perdonaci quando, attraverso la nostra avidità e indifferenza, abusiamo della sua bellezza e danneggiamo il suo potenziale.

Consentici, attraverso il tuo Spirito, di nutrire e amare il mondo, affinché tutto il  creato possa cantare la tua gloria, in armonia come tu vuoi.

Aiutaci questo mese di ottobre e, mentre concludiamo il Tempo del Creato nella festa di San Francesco, sulla via della conversione ecologica, fai prosperare il lavoro delle nostre mani per l’ecologia integrale e la giustizia climatica per tutti e per la nostra casa comune.

Fa’ che possiamo essere i canali della tua Pace che supera ogni comprensione… Amen.

Preghiera per una conversione ecologica

di Padre Tim Galvin
Animatore Laudato Si’ a Riwoto, Sudan meridionale

Dio Creatore, ti ringraziamo per la meraviglia e la bellezza di tutto ciò che hai creato. Hai creato noi umani come protettori e custodi del creato. Eppure siamo noi che ora stiamo rovinando le opere della tua mano.

Tuo Figlio Gesù Cristo è ancora afflitto e muore nella terra  e nei poveri sofferenti. Rimetti a noi i nostri peccati contro il tuo creato e contro i poveri del mondo.

Ci uniamo a tutta la creazione nel ringraziarti e nel lodarti.

Ti ringraziamo, Dio Creatore, per tutte le cose buone di cui godiamo; aiutaci a vivere in modo più semplice.

Donaci il coraggio che hai dato agli Apostoli nel giorno di Pentecoste di proclamare e difendere la cura della nostra casa comune e dei poveri. Amen.

Questa preghiera è stata adattata dal prossimo libro di preghiere del Movimento Laudato Si’. Scopri di più sulla storia di padre Tim Galvin qui.

Seguire San Francesco nella speranza e nella generosità

di Christopher Rice
Consulente Teologico del Movimento Laudato Si’

Gesù… disse loro: «Lasciate che i bambini vengano a me e non glielo impedite, perché a chi è come loro appartiene il regno di Dio.  In verità vi dico: Chi non accoglie il regno di Dio come un bambino, non entrerà in esso» (Marco 10, 14-15).

Credo che Francesco sia l’esempio per eccellenza della cura per ciò che è debole e di una ecologia integrale, vissuta con gioia e autenticità” (LS 10).

Affrontare le sfide del presente può essere opprimente.

Dalla crisi climatica alla povertà, alle varie forme di violenza e discriminazione, le crisi che affrontiamo richiedono un’attenta attenzione ai fatti – fatti sulla natura e sulla società umana che sono spesso scoraggianti.

Alcune persone sostengono che le soluzioni autentiche siano impossibili. Altri si soffermano incessantemente sui fatti, cercando di elaborare strategie, o scendere a compromessi, o inventare una soluzione rapida.

Nei Vangeli, Gesù approva la prudente previdenza, chiedendo: “Chi di voi, volendo costruire una torre, non si siede prima a calcolarne la spesa, se ha i mezzi per portarla a compimento?” (Luca 14,28).

Il nostro lavoro per affrontare un problema come la crisi climatica o la povertà mondiale deve essere realistico, in sintonia con la vera natura delle crisi, le comunità più a rischio e le realtà politiche che limitano le nostre iniziative.

Tuttavia, l’ethos gioioso di San Francesco e l’accoglienza di Gesù dei bambini indicano un’altra dimensione della spiritualità cristiana, anch’essa necessaria per affrontare il momento attuale.

A complemento del lavoro pratico di studio dei fatti, soppesando le alternative e spingendo le persone all’azione, Dio ci chiama a una speranza e a una generosità radicali che non sono così immediatamente legate alla pratica.

Nel contesto cristiano, la speranza è una virtù teologale – frutto della grazia di Dio – per la quale anticipiamo con fiducia la promessa di Dio di compimento eterno in cielo.

San Francesco aveva una prospettiva profondamente ultraterrena. Mentre si rallegrava della bellezza fisica, tangibile, splendida della natura, la apprezzava anche alla luce delle azioni redentrici di Gesù verso il mondo. Ciò diede a S. Francesco una speranza sostenitrice in tutte le sue prove.

Allo stesso modo, San Francesco si è proteso verso il prossimo con radicale generosità, rispondendo sulla base dell’impulso commovente di Dio e, di nuovo, della grazia di Dio nella sua vita.

Sia nel suo saluto compassionevole al lebbroso che nel suo delicato affiancamento ai discepoli, San Francesco era presente a coloro che lo circondavano, agendo con gioia e autenticità cristiana. C’è una certa “atemporalità” in San Francesco, poiché era profondamente radicato nell’amore incrollabile per il suo Salvatore, più che nella paura o nel calcolo delle cose del mondo.

Allo stesso modo, la chiamata di Gesù ad “accettare il regno di Dio come un bambino” indica la necessità di una speranza e di una generosità radicali.

Gesù non sta dicendo ai cristiani di essere infantili e ingenui – di rimanere all’oscuro dei fatti del mondo e di come i potenti spesso sfruttano i deboli.

Eppure c’è molto da imparare dai bambini. La fiducia illimitata in Dio che caratterizza la speranza cristiana è simile ai legami affettuosi che possono essere formati da un bambino, e la generosità del momento a cui siamo chiamati, come San Francesco, trova immagine anche nella amore semplice che i bambini possono mostrare nei loro momenti migliori.

Come uniamo un impegno sobrio e ostinato con le sfide del 21° secolo e un’apertura infantile alla speranza, alla generosità, allo stupore e alla gioia? Non è facile.

Molte influenze ci spingono in una direzione o nell’altra (o ci distraggono da entrambe) e bilanciare tutto può richiedere il lavoro paziente di una vita. Riconoscere l’importanza di entrambi gli insiemi di valori ne fa parte. E possiamo anche invocare l’aiuto e la grazia di Dio nell’abbracciare queste virtù essenziali.

Spunti per la Riflessione:

  1. In che modo Dio mi chiama a crescere in questo momento – verso un maggiore impegno con i fatti, alla base delle nostre crisi attuali e verso una maggiore speranza e generosità?
  2. Qual è un modo in cui posso emulare la spiritualità di San Francesco questo mese e “accettare il regno di Dio come un bambino”?

Non lasciare che i rifiuti vadano sprecati

Manizales, Caldas, Colombia

di María de los Ángeles Casafus Carrillo e Paola Calderon
Consulenti Spirituali del Movimento Laudato Si’, amici del MLS in Colombia

Quando pensiamo all creato di Dio, ricorriamo alle immagini di una natura viva, un ecosistema incontaminato che è difficile trovare di questi tempi.

Tuttavia, quando comprendiamo noi stessi come una specie che integra quella natura e diventiamo consapevoli dell’ambiente che abbiamo generato dal rapporto squilibrato società-natura, riconosciamo l’urgenza di generare trasformazioni strutturali nel modo in cui interagiamo tra noi e con l’ecosistema che integriamo.

La nostra regione comprende un territorio dall’eccezionale valore universale: il panorama culturale del caffè della Colombia. Ascoltiamo il grido del creato a più voci, tra cui quella della conservazione dei patrimoni naturali e culturali.

Tra i requisiti per avanzare verso uno sviluppo sostenibile c’è la gestione integrale dei rifiuti solidi generati sia nelle aree rurali che urbane. A Manizales il 96,7 per cento dei rifiuti solidi prodotti viene smaltito in una discarica sanitaria e solo il 3,3 per cento del totale dei rifiuti riceve un qualche tipo di utilizzo per il suo reintegro nel ciclo produttivo.

Considerando la finalità dell’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile N.12 delle Nazioni Unite, che stabilisce che il tasso di riciclo e nuovo uso dei rifiuti entro il 2030 dovrebbe raggiungere il 17,9 per cento, il processo decisionale delle autorità locali deve passare a un’economia circolare.

Tutti noi siamo chiamati a contribuire alla cura della nostra casa comune e allo sviluppo sostenibile delle nostre regioni.

Pertanto, dobbiamo assumerci la responsabilità sociale e ambientale dei principi di prevenzione e precauzione, gestendo gli aspetti e gli impatti sociali e ambientali generati in modo che, così, si armonizzi la gestione della conoscenza con i bisogni e le grida del creato di Dio.

In mezzo al caos, il creato prospera

Alexandra Park, Glasgow, Scozia

 Dott.ssa Marie Cooke
Consulente Teologico del Movimento Laudato Si’

Nel mezzo di un mondo che ancora soffre per la pandemia di COVID-19 e gli effetti devastanti della crisi climatica su così tante comunità, la vita continua.

L’opera di creazione di Dio continua nella nuova vita che nasce, come questi cigni con la loro madre. Ti ringraziamo Signore per le meraviglie di tutto il tuo  creato.

 La mia conversione ecologica: la storia di un giardino

di Dawn M. Nothwehr, OSF, Ph.D.
Consulente Teologico del Movimento Laudato Si’

Era una tranquilla serata di fine maggio a Windom, la mia piccola città natale nel sud-ovest del Minnesota. Avendo finito di piantare il nostro grande orto, mi ero seduta con mia madre sui gradini della porta sul retro della nostra casa con tre camere da letto, sorseggiando una limonata ghiacciata.

Il giardino appena piantato era a poca distanza. L’aria era umida del petricore del terreno appena smosso, condito con sbuffi di dolcezza dell’erba appena falciata e del profumo di pino proveniente dagli alti abeti disposti ad arte nel cortile.

Attraverso i rami di pino, il cielo della tarda sera segnalava l’imminente fine della giornata con sfumature di arancio rosso rosato e sfumature contrastanti di grigio. Un dolce coro di insetti dal tono acuto ci ha cullato in una meditazione riposante.

Dawn M. Nothwehr, OSF, Ph.D

Poi, spontaneamente, in armonia con quel flusso pacifico, arrivarono le parole di mia madre: “Solo Dio può far crescere il giardino”. Quelle parole piene di fede hanno suscitato qualcosa di profondo dentro di me, ma il mio io dodicenne non poteva esprimerlo, quindi l’ ho semplicemente tenuto in silenzio per molti anni.

In effetti, la mia persona adolescenziale richiedeva un certo tipo di ribellione per essere “costretta” ad aiutare a sarchiare, curare e raccogliere i prodotti dell’orto. Eppure, segretamente, amavo lavorare in giardino.

Ero abbastanza sbalordita dal fatto che si potesse mettere questa cosa dura, piatta e gialla nel terreno, e settimane dopo poter trovare una pianta di mais dolce al suo posto! Fu solo circa 30 anni dopo che sarei stata in grado di dare un nome a ciò che mi aveva commosso così profondamente quella sera.

Anni dopo, nel mio 25° giubileo come Suora di San Francesco, ho avuto il privilegio di andare in pellegrinaggio ad Assisi, in Italia, e nella regione dell’Umbria, la “Terra Santa Francescana”, dove hanno vissuto San Francesco e Santa Chiara .

Mentre viaggiavamo da un luogo all’altro, nessuno poteva perdersi la lussureggiante vegetazione dei fertili campi di girasoli e dei vigneti che ricoprono le dolci colline. Quei panorami suggestivi combinati con il Cantico delle Creature di San Francesco hanno risvegliato le mie tante “esperienze del giardino” e il profondo senso di stupore e meraviglia che ho provato quella sera con mia madre.

Come me, ma nel loro tempo e luogo, san Francesco e santa Chiara impararono a conoscere bene ciò che io avevo gustato solo quella sera di fine maggio: le vestigia di un Dio incarnato che li cullava nell’amore e nella misericordia nel miracoloso, lussureggiante nido della creazione!

Per circa 30 anni ho vissuto a Chicago. Sebbene, ammettiamolo, ci siano molte comodità nella vita di città, ho sempre avuto un vero rapporto di amore-odio con quei dintorni.

Tutto è enorme, impersonale, lastricato, frenetico, costruito dall’uomo, costantemente in movimento, competitivo, spesso violento. Per me, la “grazia salvifica” era il sistema di parchi che confina con il Lago Michigan.

Lì, una parvenza di intimità con la rete della vita pervadeva tra alberi, erba, fiori, cielo aperto; la gente si sorrideva e si salutava; e il lago Michigan si estende fino all’orizzonte, mentre il ritmo delle onde lambisce la sabbia di ampie spiagge dando il tono e il ritmo di una vita più pacifica.

Le manifestazioni del sacro sono ben distinte da quelle che si trovano in tutte le cavernose cattedrali che punteggiano gli angoli delle strade di quella tentacolare metropoli.

Sì, San Francesco si trovava decisamente “su qualcosa!” Le vestigia del Dio incarnato possono essere viste tutt’intorno a noi – non solo se guardiamo, ma apriamo gli occhi per vedere!

Come 5 volontari hanno raccolto 428 firme per la petizione “Pianeta Sano, Persone Sane”

Il Circolo Laudato Si’ della parrocchia St. Austin Msongari a Nairobi ha voluto dare un volto alla crisi climatica.

I membri del circolo volevano che i loro parrocchiani sapessero che le persone che siedono nei banchi con loro settimana dopo settimana sono preoccupate per la crisi climatica quanto lo è Papa Francesco, che ha ispirato milioni di persone con la sua enciclica Laudato Si’.

Un recente fine settimana, dopo sei messe, cinque volontari con il circolo hanno deciso di raccogliere firme per la petizione “Pianeta Sano, Persone Sane”. Avevano a disposizione solo otto minuti dopo ogni messa a causa delle restrizioni alle riunioni dovute alla pandemia di COVID-19.

Eppure questi pochi volontari hanno raccolto 428 firme mentre la comunità si è unita in modo evidente allo sforzo di dire ai leader mondiali come dovrebbero prendersi cura della nostra casa comune in occasione dei due imminenti vertici delle Nazioni Unite.

Firma la petizione “Pianeta Sano, Persone Sane” 

“Come cultura, gli africani tendono a rispondere meglio quando c’è un volto legato a una causa. Più il volto è familiare, migliore è la risposta. Si nutre dell’intera cultura della comunità”, ha affermato Maryanne Owiti, un membro del circolo che ha contribuito alla raccolta delle firme.

“I parrocchiani hanno espresso il loro sostegno entusiasta all’iniziativa e non vedevano l’ora di sentire la presenza [del Movimento Laudato Si’] nella comunità”.

Ha raccontato che il circolo ha scelto di organizzare un evento in presenza, piuttosto che online, durante il  Tempo del Creato, perché in questo modo “una causa globale si sente locale”.

Anche decine di migliaia di persone in tutto il mondo hanno firmato la petizione che incoraggia i leader mondiali a dare vita alla Laudato Si’ con accordi di fondamentale importanza che emergeranno dai due vertici delle Nazioni Unite: la 26esima Conferenza delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (COP26), che si terrà dal dal 31 ottobre al 12 novembre e la Conferenza delle Nazioni Unite sulla Biodiversità (COP15), che si terrà online dall’11 al 15 ottobre e in presenza dal 25 aprile all’8 maggio 2022.

Approfondisci: Cos’è la  COP15?

La petizione invita i leader mondiali ad “agire con grande urgenza” e “affrontare insieme l’emergenza climatica e la crisi della biodiversità”. Firma la petizione “Pianeta Sano, Persone Sane” oggi stesso.

Irene Kamunge lavora per la National Environment Management Authority in Kenya ed è stata una delle 428 persone che hanno firmato la petizione a St. Austin.

“Credo che i cristiani abbiano la responsabilità di prendersi cura dell’ambiente, che è il creato di Dio”, afferma.

Ha definito la petizione “un’idea molto nobile” e ha invitato tutte le persone a unirsi a lei in questa azione in vista dei due vertici delle Nazioni Unite.

“Per porre fine alla povertà e alle malattie nel mondo, è inevitabile che la comunità mondiale debba affrontare il cambiamento climatico, poiché influisce sulla qualità dell’aria, dell’acqua, della biodiversità e sulla disponibilità di cibo per l’umanità”, ontinua.

Eunice Omino lavora per il Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente e frequenta anche St. Austin. Ha firmato la petizione poco dopo il suo lancio a maggio, ed è stata orgogliosa di come tanti suoi compagni parrocchiani abbiano espresso “solidarietà a Papa Francesco” firmando la petizione. 

“I nostri leader non agiranno se non inviamo un chiaro segnale che vogliamo giustizia climatica”, ha affermato. “Dobbiamo tutti difendere insieme la giustizia climatica”.

Mazur/catholicnews.org.uk

Quante firme riesci a raccogliere?

Papa Francesco ha in programma di partecipare alla 26a Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, che si terrà dal 31 ottobre al 12 novembre a Glasgow. Ecco come possiamo sostenere Sua Santità: firmando la petizione “Pianeta sano, persone sane”.

Hai già firmato? Organizza una sfida tra amici per vedere chi può ottenere il maggior numero di firme. Ora è il nostro momento di alzare una voce cattolica unita davanti a questa importante opportunità. Non riavremo indietro questo momento, quindi dobbiamo agire ora! Firma la petizione.

Laudato Si’ Movement
Laudato Si’ Movement

5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments