Dopo il disinvestimento di 4,2 miliardi di dollari, i leader religiosi incoraggiano gli altri a unirsi a loro in un viaggio profetico

da | Ott 29, 2021 | Blog, Disinvestimento, Notizie e aggiornamenti | 0 commenti

Qualche giorno dopo il più grande annuncio di disinvestimento congiunto da parte delle istituzioni religiose, i leader religiosi di tutto il mondo hanno esortato tutte le istituzioni a unirsi a loro in questo modo profetico di lavorare contro la crisi climatica.

Il vescovo Bill Nolan, il vescovo referente per l’Ambiente per la Conferenza Episcopale Cattolica della Scozia, ha condiviso il percorso verso il disinvestimento, comprese le varie situazioni scartate a favore della cura della nostra casa comune disinvestendo dai combustibili fossili.

“A poco a poco ci siamo resi conto che il solo sostegno allo status quo così com’è non era abbastanza buono. Dobbiamo muoverci”, ha detto il vescovo Nolan durante il dialogo “COP26,Disinvestimento dai combustibili fossili e una giusta transizione per tutti” tenutosi online giovedì sera. “Ora è il momento di farlo. Questo è il momento di prendere questa decisione”.

La Conferenza Episcopale scozzese è stata una delle 72 istituzioni religiose di sei continenti che hanno disinvestito dai combustibili fossili, con oltre 4,2 miliardi di dollari di beni in gestione combinata.

Lo storico annuncio è arrivato pochi giorni prima dell’inizio della 26a Conferenza delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici a Glasgow, che ha visto la partecipazione di 55 istituzioni cattoliche.

Ma tutte le istituzioni religiose sono chiamate a disinvestire “per essere solidali con coloro in prima linea sul cambiamento climatico che stanno soffrendo a causa del cambiamento climatico e del degrado ambientale”, ha affermato Rachel Mash, coordinatrice ambientale per la Chiesa anglicana dell’Africa meridionale e Green Anglicans. “Questo è il momento kairos dell’Africa. La giustizia richiede una transizione verso l’energia rinnovabile decentralizzata controllata dal popolo africano”.

Il reverendo Hugh Nelson, vescovo di St. Germans nella diocesi di Truro, ha affermato che la sua diocesi ha deciso di disinvestire come un modo per custodire il creato, ridurre il carbonio e alzare la voce.

Notando che la decisione di disinvestire dai combustibili fossili ha un senso finanziario oltre che missionario, il Rev. Nelson ha affermato: “Ci sono, è chiaro, sempre meno ragioni per le chiese e le diocesi di non fare questa mossa in modo che insieme, tutti noi che seguiamo Gesù Cristo, possiamo amare meglio il creato, ridurre il carbonio e parlarne. E spero che il vostro viaggio in questa direzione sia prospero e benedetto”.

Jonathon Braden
Jonathon Braden

Scrittore
Nebraska, Stati Uniti d’America
Jonathon Braden ha più di 10 anni di esperienza in scrittura e comunicazione. Vuole raccontare la storia del GCCM.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments