Incontriamo la nonna cattolica di 67 anni, nonna di tre nipoti che marcia per la giustizia climatica alla COP26

da | Nov 15, 2021 | Blog, Notizie e aggiornamenti | 0 commenti

Isabella Harding (con il megafono) guida il gruppo del Movimento Laudato Si’ durante la marcia per la giustizia climatica a Glasgow, sabato scorso.

Più di un decennio prima che Papa Francesco scrivesse l’enciclica Laudato Si’, Isabella Harding insegnava ai suoi studenti delle scuole superiori l’importanza di prendersi cura del creato di Dio come insegnante di religione a Bristol, in Inghilterra.

Adesso, questa Animatrice Laudato Si’ sessantasettenne, nonna di tre nipoti, sta sostenendo la nostra casa comune marciando a fianco degli attivisti per il clima e pregando alla  26a Conferenza delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici a Glasgow.

“Faccio tutto quello che posso”, ha detto.

Sostiene la giustizia climatica da decenni, anche se con un altro nome.

Isabella Harding at COP26

Isabella Harding

Ricorda il Primo Ministro del Regno Unito Margaret Thatcher che avvertì il mondo sui cambiamenti climatici nel 1987.

“Il compito più urgente che ci attende a livello internazionale è negoziare una convenzione quadro sui cambiamenti climatici, una sorta di guida di buona condotta per tutte le nazioni”, aveva dichiarato la Thatcher all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite 34 anni fa.

Anche Isabella era preoccupata per la crisi climatica allora. “Ma ero sicura che avrebbero fatto qualcosa, e, invece, non è stato fatto”, afferma.

Tuttavia, ciò non ha fermato il suo attivismo. Madre di cinque figli, è venuta a Glasgow perché “questo è un momento cruciale per il mondo e per tutti di dare testimonianza”, ha detto. “Prego perché questa COP26 sia un successo come quello di Parigi, se si intraprende un’azione reale adesso”.

Prega la Coroncina Laudato Si’ ogni giorno e ha trascorso ore a pregare al di fuori della COP26 nella veglia interreligiosa, che si è tenuta per sei ore al giorno.

“La risposta è la preghiera”, afferma.

Il suo attivismo, tuttavia, è  preghiera e  azione.

Nel luglio 2020, ha completato il programma di formazione gratuito Animatori Laudato Si’, che mette in contatto migliaia di cattolici che la pensano allo stesso modo e li aiuta a comprendere meglio la Laudato Si’ e le cause profonde della crisi climatica.

Per completare il programma gratuito di sei settimane, lei e altri animatori hanno condotto un progetto comunitario per il  creato di Dio.

“[Il programma è stato] di valore, perché ha unito la fede e la preghiera con la vita nel mondo, la nostra realtà attuale, che è il modo in cui viviamo la nostra fede”, continua. “La nostra fede non è qualcosa al di fuori di come viviamo.”

Sabato, ha marciato sotto la pioggia e il vento per più di cinque ore con il Movimento Laudato Si’  e gli altri Animatori Laudato Si’. Il gruppo si è mosso in solidarietà con più di 100.000 persone in occasione della Giornata Mondiale d’Azione per la Giustizia Climatica.

Insieme, i gruppi hanno marciato per la giustizia climatica, offrendo slogan come “Cosa vogliamo? Giustizia climatica! Quando la vogliamo? Ora!”

Gli slogan sono cambiati durante la sua vita di attivista, ma la sua passione per il creato di Dio è rimasta. Continua a casa insegnando ai suoi nipoti – di 1, 6 e 8 anni – la crisi climatica e la cura del creato di Dio.

“Ho anche il sostegno dei miei figli e nipoti nel fare ciò che posso,  perché mi permette di fare più di quello che possono fare loro, in quanto impegnati a lavorare e così via”, ci dice. “Il mio impegno per il clima, però, ha la precedenza”.

Scopri di più sulla COP26:

Jonathon Braden
Jonathon Braden

Scrittore
Nebraska, Stati Uniti d’America
Jonathon Braden ha più di 10 anni di esperienza in scrittura e comunicazione. Vuole raccontare la storia del GCCM.

5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments