Riflessioni dalla COP26: “L’urgenza della crisi non è stata percepita”

da | Nov 17, 2021 | Blog, Notizie e aggiornamenti | 0 commenti

Per scoprire esattamente cosa è successo alla 26a Conferenza delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici dalla voce degli esperti che erano sul campo, ci siamo incontrati per uno speciale Dialogo Laudato Si’, martedì 16 novembre.

L’accordo finale della COP26 ha suscitato opinioni diverse e le abbiamo analizzate insieme a Yeb Saño, direttore esecutivo di Greenpeace del Sud-Est asiatico, che ha menzionato l’importanza per i paesi di raggiungere un accordo per risolvere la crisi climatica, “ma nessuno se ne assume la responsabilità”.

All’incontro hanno partecipato anche due religiose, Marvie Misolas, dell’Ufficio Affari Generali di  Maryknoll, e Kate Midgley, Suore Missionarie di San Colombano.

Allo stesso modo, Lindlyn Moma, Direttrice Advocacy del Movimento Laudato Si’, ha dato la sua impressione su quanto vissuto alla COP: “L’urgenza della crisi non è stata percepita”, ha ammesso. Ha parlato dell’importanza della Piattaforma di Iniziative Laudato Si’ per dare visibilità al numero di comunità in movimento nel mondo.

Se non hai potuto partecipare, segui all’evento qui

Citazioni principali dei relatori 

Yeb Saño, Direttore Esecutivo di Greenpeace del Sud-Est asiatico 

“Coloro che sono coinvolti nella crisi climatica devono essere ritenuti responsabili, ed è qualcosa che non sta accadendo. I paesi in via di sviluppo non ricevono aiuto, non l’hanno avuto nemmeno durante la pandemia”.

“Sono una persona di fede e affrontare queste sfide fa parte del nostro viaggio”.

“Nel MLS stiamo cercando di formare una fratellanza che ci permetta di risolvere la crisi climatica. Sono tante le parrocchie che fanno parte della Chiesa e, se vogliamo un vero cambiamento, dobbiamo cominciare da lì”.

“Ho fiducia che l’unità troverà un modo per andare avanti”.

Suor Marvie Misolas, Ufficio per gli Affari Generali di Maryknoll 

“Abbiamo ancora molta strada da fare”.

“Essendo in strada, pensavo a quali sforzi siano necessari come attivisti per creare il cambiamento. Fondamentale è la partecipazione delle donne e anche la presenza di persone che appartengono a comunità indigene. Dobbiamo continuare a sperare su questa strada”.

“La Chiesa deve porre maggiormente l’accento sull’educazione ecologica. Dobbiamo inviare richieste ai governi”.

Suor Kate Midgley, Suore Missionarie di San Colombano.

“Tutto quello che ho vissuto per le strade di Glasgow è stato incredibile. C’erano persone che pregavano in silenzio per la crisi climatica. Sentivamo tutti tanti ‘blablabla’, ma dovevamo tacere e dimostrare la nostra presenza lì”.

“C’è stata una grande energia che è culminata nella marcia di venerdì. Ho incontrato persone che erano andate a piedi da Londra a Glasgow”.

“Si parla molto del grido della terra e del grido dei poveri, ma questa situazione richiede un intervento urgente. Il ruolo degli Animatori Laudato Si’ è molto importante”.

Lindlyn Moma, Direttrice Advocacy del Movimento Laudato Si’

“L’urgenza della crisi non si è fatta sentire a Glasgow. Non c’è stato alcun accenno a raccomandazioni essenziali che dovrebbero essere prese. Sono stati fatti tanti annunci, ma il vero problema non è stato affrontato”.

“La Piattaforma di Iniziative Laudato Si’” ci offre una visione più chiara di come poter agire come cattolici. Su base individuale,si può parlare con le proprie parrocchie, in modo che sia un argomento che inizia a essere discusso. Questo ci aiuterà ad andare avanti. Dobbiamo continuare a sostenere gli attivisti”.

“La Cop26 ha cercato di rimediare a qualcosa, ma c’è molto di più che possiamo fare”.

 

Guadalupe García Corigliano
Guadalupe García Corigliano

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments