Cammino Laudato Si – Vangelo della Natale del Signore

da | Dic 23, 2021 | Blog, Notizie e aggiornamenti, Preghiera | 0 commenti

Avvento “Verso l’incontro”
Natale del Signore, solennità – Anno C
Gv 1,1-18

Eccoci arrivati dopo questo cammino davanti alla grotta di Betlemme! E troviamo oggi il prologo di Giovanni a illuminare questo spazio umile e a farcene comprendere il mistero. Un testo decisamente impegnativo, a tratti difficilmente comprensibile. Del resto, è difficilmente comprensibile la scena di oggi: Dio, nella sua immensità, ha scelto di spogliarsi di sé stesso, assumere la natura umana, e noi non abbiamo dato a lui neppure un alloggio nella locanda!

Il prologo ci presenta la protagonista del vangelo: la parola. È un inno alla parola, una stupenda poesia! Cosa c’è di meglio di una poesia, per descrivere la bellezza, per descrivere la pienezza?

Nell’inno si presenta la Parola nel suo rapporto con Dio, nel suo rapporto con il creato, nel suo rapporto con la storia, finché la parola diventa carne, quando vediamo Dio faccia a faccia, come di fronte a questa mangiatoia ricca di dolcezza e mistero. Cosa è la parola? Se ci pensiamo bene, la parola è ciò che dà l’esistenza a ogni persona. Senza parola, l’uomo non esiste, non si relaziona, non vive.

Ciò che c’è in principio, è ciò che si troverà anche alla fine, ciò che ci attende. Nel principio, anzi, prima del principio non c’era il caos, o la confusione. Nel principio non c’era l’azione, non c’era il fato. In principio era “la parola”. Il termine parola deriva da “paraballo”, cioè “gettare fuori”, con la parola, l’uomo getta fuori, si espone, si offre, esce da sé. L’uomo è parola esposta e ascoltata, corrisposta. Dio stesso è parola, libertà, comunicazione, amore. Chi parla non dice cose, ma dice sé stesso, se dice la verità. Infatti, quando due non parlano più, è un disastro. Dio è parola, è dono.

Dire che in principio era la parola, indica anche che nel destino dell’uomo è la parola. Questa parola, però, può essere menzogna. Per questo Francesco, che di questa grotta intuì per primo la bellezza di rappresentarla “vivente”, nel Cantico evidenzia il rischio della parola, fonte di menzogne per lodare Dio, e preferisce all’uso della parola l’uso di tutta la creazione. Lodare Dio attraverso la creazione, almeno non si corre il rischio di essere ipocriti, falsi.

Nei confronti della creazione, un racconto ebraico dice che il mondo è stato creato con le lettere dell’alfabeto: un modo molto intelligente per dire che il mondo è intelligibile, è comprensibile. Per questo per gli ebrei il mondo si “domina” dando nomi alle cose, usando le parole. Tutto avviene attraverso la parola.

Dio disse, creando tutto, la luce, il cielo, il giorno, la notte, le acque. Quando crea l’uomo, crea colui che sa leggere il creato. Quanto lo stiamo scordando, questo dono di leggere il creato! Se c’è una bella musica, e nessuno la ascolta, questa musica non è bella, non ha neppure senso. Così noi uomini rischiamo di trattare tutta la bellezza del Creato, svuotandolo di significato con la nostra indifferenza.

Quanti tramonti stupendi ci siamo persi, con gli occhi rivolti ai televisori o ai cellulari? Quanti cieli stellati spettacolari! Il creato è una parola oggettiva, l’uomo attraverso la parola divinizza, interpreta il creato, ne trova un senso, cerca la firma del creatore. Solo l’uomo svolge questo compito. Però succede che la luce, che illumina il mondo da questa grotta, non viene accolta dalle tenebre. Nel mondo c’è una paura, una menzogna, che non afferra la parola. Afferrare vuol dire comprendere, ma anche imprigionare. Le tenebre non riescono a comprendere la luce, ma neppure riescono a soffocarla. Con questo doppio senso viene dato valore all’umiltà di questa grotta, al dramma di un Dio che nasce, ma che non viene riconosciuto dagli uomini. Soffermeremo lo sguardo sulla seconda parte del prologo domenica prossima, prima domenica del nuovo anno, che verrà accompagnata dagli stessi passi del Vangelo.

L’augurio più bello, in questo Natale, è di contemplare questa scena di Betlemme con lo sguardo di Santa Chiara di Assisi, che diceva: “Colloca i tuoi occhi davanti allo specchio dell’eternità, colloca la tua anima nello splendore della gloria, colloca il tuo cuore in Colui che è figura della divina sostanza, e trasformati interamente per mezzo della contemplazione, nell’immagine della divinità di Lui” (FF 2888).

In questa parola si gioca il destino dell’uomo, alla luce di questa parola che possiamo capire tutta la bellezza di quello che è successo nella mangiatoia di Betlemme, e forse il nostro Natale, nel nostro incontro al termine di questo cammino di ricerca di queste settimane, assume un sapore più dolce.

Vi auguriamo di cuore un buon Natale del Signore! 

Laudato si’!

Antonio Caschetto
Antonio Caschetto

Antonio Caschetto è il Coordinatore dei Programmi per l’Italia del Movimento Laudato Si’. Architetto di formazione, è anche membro dell’équipe di eco-spiritualità del movimento e guida i pellegrini nei ritiri nei santuari francescani di Assisi, dove vive con la sua meravigliosa moglie, Angelica, i loro due bellissimi figli, Francesco ed Emanuele, e il loro cane, Jumpy.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments