10 modi in cui le diocesi cattoliche possono prendersi cura del creato di Dio

da | Gen 3, 2022 | Blog, Notizie e aggiornamenti | 1 commento

Esistono più di 2.800 diocesi nella Chiesa cattolica e ognuna di esse ha il potere di far vivere veramente la Laudato Si’ nella propria comunità!

Ecco 10 modi in cui la tua diocesi cattolica può prendersi cura del creato di Dio durante tutto l’anno.

1. Nominare qualcuno che si impegni a dare vita alla Laudato Si'

Nominare qualcuno che si impegni a dare vita alla Laudato Si’ nelle parrocchie e in altre organizzazioni della diocesi. Spesso questo impegno è associato ad altri lavori sulla giustizia e la pace.

2. Convocare un gruppo di esperti

Convocare un gruppo di esperti (volontari cattolici di università, agenzie di sviluppo, governo, imprese, gruppi verdi, ecc.) per consigliare la diocesi su come ridurre l’impronta ambientale della diocesi, sfruttando le risorse e i programmi esistenti disponibili nell’area.

3. Creare un piano

Creare un piano per rafforzare la cura della nostra casa comune nella diocesi.

4. Incoraggiare la formazione

Incoraggiare la formazione di Equipe di Cura del Creato presso parrocchie, scuole e altre strutture, e sostenerle attraverso eventi di orientamento e formazione, cataloghi di risorse online, una selezione di risorse educative per studenti e personale e un forum per i team per lo scambio di esperienze e risorse.

5. Ispirare la cura del creato

Ispirare la cura del creato tra i fedeli attraverso la preghiera, le liturgie, le comunicazioni e gli eventi.Si potrebbe organizzare, ad esempio, un evento di cura del creato in tutta la diocesi per gli studenti delle scuole secondarie nelle scuole cattoliche diocesane, preparare omelie, articoli di newsletter, consigli ecologici, identificare i potenziali predicatori ospiti e tenere conferenze in tutta la diocesi.

6. Adottare linee guida diocesane

Adottare linee guida diocesane per le migliori pratiche nelle seguenti aree:

  • riduzione dei rifiuti, riciclo e (ove disponibile) compostaggio,
  • conservazione dell’acqua
  • acquisti verdi
  • manutenzione sostenibile dei terreni
  • trasporto sostenibile
  • gestione dei documenti (stampa/non stampa; colore/bianco e nero)
7. Utilizzare le energie rinnovabili

Risparmiare energia e utilizzare le energie rinnovabili nella diocesi effettuando le seguenti operazioni:

  • raccogliere dati sul consumo energetico per gli edifici di proprietà della diocesi
  • identificare le chiese di riferimento nel Portfolio Manager  EPA per le case di culto
  • fissare un obiettivo di risparmio energetico/riduzione delle emissioni per tutta la diocesi
  • promuovere l’acquisto del 100% di elettricità rinnovabile tramite la rete, ove disponibile
  • fornire o altrimenti aiutare le parrocchie ad accedere a finanziamenti e competenze per il risparmio energetico e le energie rinnovabili
8. Mobilitarsi per la giustizia ambientale

Mobilitarsi per la giustizia ambientale, unendosi a persone di altre confessioni e ad organizzazioni laiche, intraprendendo le seguenti azioni:

  • a livello locale su temi quali la qualità dei rifiuti, dell’aria e dell’acqua e la promozione dell’efficienza energetica e delle energie rinnovabili per eliminare gradualmente l’uso di combustibili fossili
  • a livello nazionale, sugli standard ambientali nazionali e sulla realizzazione del contributo determinato a livello nazionale (INDC) per ridurre le emissioni di carbonio
  • a livello mondiale, affinché gli accordi internazionali limitino la portata del cambiamento climatico globale e aiutino i più poveri del mondo a far fronte agli impatti dei cambiamenti climatici
9. Prendersi cura delle persone danneggiate

Prendersi cura delle persone danneggiate dal degrado ambientale

  • coordinare le opportunità di volontariato e dirigere l’assistenza materiale alle persone colpite nella regione
  • coordinare le raccolte per gli enti cattolici di sostegno (Caritas Internationalis, Catholic Relief Services, CAFOD ecc.) per le persone colpite all’estero
  • sostenere lo sviluppo e l’adattamento, nonché la risposta alle emergenze e il recupero
10. Rilevare e comunicare i progressi

Rilevare e comunicare i progressi nella cura del creato di Dio attraverso:

  • newsletter, sito web,
  • dichiarazioni pubbliche, interviste ai media
  • riunioni di decanato, convocazioni
Jonathon Braden
Jonathon Braden

Scrittore
Nebraska, Stati Uniti d’America
Jonathon Braden ha più di 10 anni di esperienza in scrittura e comunicazione. Vuole raccontare la storia del GCCM.

4 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Enrico Calvo
Enrico Calvo
19 giorni fa

Azioni molto valide. Ma non dimenticherei che molte diocesi, soprattutto in cert zone, hanno vaste proprietà di boschi, pascoli, terreni agricoli.
Le diocesi dovrebbero quindi agire eticamente e gestire questi beni secondo modalità sostenibili certificabili.
Questo sarebbe un grande gesto e un segno significativo esemplare