Emergenza climatica

Cos’è l’emergenza climatica?

Gli esseri umani bruciano combustibili fossili, come carbone, petrolio e gas, per una serie di motivi.
Tali combustibili fossili producono gas serra che intrappolano il calore, inclusa la CO2, che riscalda il nostro pianeta.
Gli scienziati affermano che la combustione dei combustibili fossili è il fattore principale dietro l’emergenza climatica che stiamo vivendo.

La Terra sempre più calda

Indice di temperatura globale terra-oceano, prodotto dalla National Aeronautics and Space Administration negli Stati Uniti.
Ulteriore  evidenza: “Diciannove degli anni più caldi si sono verificati dal 2000, con l’eccezione del 1998. L’anno 2020 è stato pari al 2016 come anno più caldo mai registrato dal 1880”.

Gli scienziati sono d’accordo?

Si. C’è un immenso  consenso scientifico sul fatto che gli esseri umani stiano causando l’emergenza climatica. Dalla National Aeronautics and Space Administration (NASA) negli Stati Uniti:

“Molti studi pubblicati su riviste scientifiche sottoposte a revisione paritaria mostrano che il 97 percento o più degli scienziati del clima che pubblicano attivamente è d’accordo: le tendenze al riscaldamento climatico nel secolo scorso sono, probabilmente, per lo più dovute alle attività umane. Inoltre, la maggior parte delle principali organizzazioni scientifiche mondiali ha rilasciato dichiarazioni pubbliche a sostegno di questa posizione”.

GUARDA: Il 97% degli Scienziati del Clima è realmente d’accordo

E allora? Qual è il problema di un pianeta più caldo a causa dell’emergenza climatica?

Un pianeta più caldo rende più probabile lo scioglimento dei ghiacciai, l’innalzamento del livello del mare, uragani più forti, siccità più lunghe e intense, riscaldamento e acidificazione degli oceani, perdita di biodiversità, perdita di habitat e modelli meteorologici più estremi, quali ondate di calore e/o forti piogge.

Guarda: Il Cambiamento Climatico: cambia tutto

Stiamo già assistendo a questi effetti in tutto il mondo e più aspettiamo nell’affrontare la crisi climatica, peggio sarà. Questa è un’emergenza climatica!

Perché i cattolici sono chiamati ad agire contro l’emergenza climatica?

Nella Laudato Si’, Papa Francesco ribadisce più e più volte che stiamo vivendo un’emergenza climatica e che dobbiamo agire.

Guarda: Papa Francesco guida la Settimana Laudato Si’

“Basta però guardare la realtà con sincerità per vedere che c’è un grande deterioramento della nostra casa comune.” (LS 61).
“Le previsioni catastrofiche ormai non si possono più guardare con disprezzo e ironia.” (LS 161).
Papa Francesco sottolinea che l’emergenza climatica è una questione morale e che i meno colpiti saranno i più colpiti, pur avendo poco a che fare con le emissioni di gas serra che causano tale emergenza.

“Tanto l’esperienza comune della vita ordinaria quanto la ricerca scientifica dimostrano che gli effetti più gravi di tutte le aggressioni ambientali li subisce la gente più povera » Per esempio, l’esaurimento delle riserve ittiche penalizza specialmente coloro che vivono della pesca artigianale e non hanno come sostituirla, l’inquinamento dell’acqua colpisce in particolare i più poveri che non hanno la possibilità di comprare acqua imbottigliata, e l’innalzamento del livello del mare colpisce principalmente le popolazioni costiere impoverite che non hanno dove trasferirsi. L’impatto degli squilibri attuali si manifesta anche nella morte prematura di molti poveri, nei conflitti generati dalla mancanza di risorse e in tanti altri problemi che non trovano spazio sufficiente nelle agende del mondo.” (LS 48).

Sua Santità ci invita a “ascoltare tanto il grido della terra quanto il grido dei poveri” (LS 49). E nonostante lo scenario catastrofico, ci esorta, dicendo: “Camminiamo cantando! Che le nostre lotte e la nostra preoccupazione per questo pianeta non ci tolgano la gioia della speranza.” (LS 244).

“Poiché sappiamo che le cose possono cambiare” (LS 13).