10 modi per rendere più verde la tua parrocchia

da | Ott 22, 2020 | Blog, Notizie e aggiornamenti | 0 commenti

L’Enciclica Laudato si’ di Papa Francesco invita tutte le persone e le comunità a prendersi cura della nostra casa comune attraverso l’azione. “L’attenuazione degli  effetti dell’attuale squilibrio dipende da ciò che facciamo ora.” (LS 161)

Le parrocchie di tutto il mondo sono in una posizione privilegiata per mostrare il cammino. Ne esistono più di 220.000. La maggior parte ha vari edifici e veicoli che, utilizzando combustibili fossili convenzionali per l’energia, contribuiscono direttamente alla crisi ecologica e all’emergenza climatica.

Molte parrocchie, invece, in tutto il mondo hanno trovato un modo diverso per gestire le loro attività salva-anime. Sono passate alle energie rinnovabili, come quella solare, eolica o geotermica, o hanno apportato altri cambiamenti che portano vita.

Questi cambiamenti si sono rivelati migliori per la nostra casa comune e migliori per i portafogli delle parrocchie, poiché molti hanno risparmiato denaro grazie a tali modifiche.

Ecco 10  passi stimolanti che le parrocchie di tutto il mondo hanno già fatto per prendersi cura del creato e rendere la  parrocchia più sostenibile. Quale di questi si può provare nella tua?

Formare un team per la cura del creato 

Formare un team per la cura del creato, noto anche come team verde, può essere un ottimo modo per incorporare la cura del creato e il lavoro contro la crisi climatica nel lavoro quotidiano della parrocchia.

Questi team hanno un aspetto diverso in tutto il mondo, ma una caratteristica comune è che, con l’approvazione del pastore, agiscono da soli – non sono lì solo per fornire consigli e raccomandazioni agli altri.

Quando si parla del motivo del successo dell’équipe di cura del creato, due fattori emergono sostanzialmente: si incontrano regolarmente e hanno il sostegno dei pastori e dei parroci.

I team di cura del creato sono generalmente composti interamente da volontari. Ecco alcune potenziali idee che un team può mettere in atto per iniziare il proprio lavoro di cambiamento della comunità:

  • identificare le questioni ambientali di interesse nella parrocchia, come la crisi climatica, la siccità, la giustizia ambientale o l’uso dell’energia in  parrocchia
  • pianificare e realizzare progetti e attività approvati dalla direzione della parrocchia
  • rivedere e riferire i risultati del progetto alla direzione della parrocchia e agli altri parrocchiani.

RIFLETTORI SULLE PARROCCHIE

Foto del Catholic Climate Covenant

Il ministero per la Cura del Creato S. Thomas More fa parte della rete del Team Cura del Creato del Catholic Climate Covenant. Il gruppo St.Thomas, con sede negli Stati Uniti, è stato costituito nel 2015 e tiene riunioni mensili ed eventi legati al clima durante tutto l’anno.

Tra i principali risultati del ministero: il team ha condotto un audit sull’efficienza energetica a livello parrocchiale che ha contribuito a realizzare un cambiamento dell’illuminazione e un risparmio sui costi di $10.000 all’anno. La parrocchia ha anche risparmiato $ 10.000 USD in sconti.

2. Eliminare gli sprechi energetici

Forse la forma meno costosa di risparmio energetico si sviluppa attraverso le nostre azioni, come, ad esempio, spegnere una luce quando si esce da una stanza. Non costa nulla.

Ciò che è richiesto invece è un’attenzione a spegnere o abbassare gli elementi quando non vengono utilizzati. È possibile ottenere risparmi energetici fino al 10 percento semplicemente attraverso sforzi consapevoli e continui per utilizzare meno energia.

Diminuzione: negli edifici con riscaldamento o aria condizionata, probabilmente c’è energia da risparmiare attraverso un attento controllo della regolazione della temperatura, sia quando le persone sono presenti sia, cosa ancora più importante, quando non ci sono.

Molti paesi, come il Giappone, hanno adottato linee guida nazionali per le impostazioni della temperatura interna e chiedono alle persone di vestirsi in modo appropriato secondo il tempo atmosferico, in modo da fare meno affidamento sul riscaldamento e sull’aria condizionata per il proprio comfort.

Ispezione e manutenzione: per mantenere i sistemi dell’edificio e i veicoli funzionanti con l’efficienza desiderata, è utile eseguire una manutenzione ordinaria, come la pulizia o la sostituzione dei filtri. Un buon gestore dei servizi di costruzione può fare un’enorme differenza verso il risparmio energetico semplicemente controllando regolarmente e in maniera efficace  che le cose vengono spente, le temperature vengono abbassate o programmate, i sistemi vengono sottoposti a manutenzione regolarmente e gli spazi e i dispositivi che consumano energia vengono consolidati, ove possibile. Un direttore di un edificio attento ai costi è un membro inestimabile di un team di cura del creato parrocchiale.

3. Monitorare il consumo di energia

I maggiori vantaggi di risparmio energetico, tuttavia, si ottengono monitorando direttamente il consumo di energia e comunicandolo, in genere, in modo trasparente alla parrocchia.

Il consumo di energia nelle parrocchie include solitamente la combustione diretta del combustibile per il riscaldamento, la cucina e il trasporto, e l’uso dell’elettricità per l’illuminazione, la refrigerazione, le comunicazioni, i computer e altri apparecchi elettrici.

Questi due tipi di consumo energetico sono generalmente facili da monitorare perché il costo dell’energia deve essere pagato. Le bollette energetiche di una parrocchia specificheranno in genere la quantità esatta di energia utilizzata durante ogni ciclo di fatturazione.

RIFLETTORI SULLE PARROCCHIE
PARROCCHIA DI SANTA TERESA D’ AVILA
San Francisco, California, USA

La parrocchia di Santa Teresa d’Avila ha condotto una serie di misure di risparmio energetico, inclusa la sostituzione delle lampadine consumate con altre più efficienti e l’aggiunta di isolamento a un priorato.

Un anno dopo, la parrocchia aveva risparmiato il 36% sul gas naturale, l’8% sull’elettricità e il 18% sul costo totale dell’energia. Il suo risparmio energetico ha ridotto le emissioni di gas serra di quella parrocchia del 30% in un anno.

4. Risparmio energetico ‘serrato’ passo dopo passo

Può essere una sfida lo sforzo a risparmiare energia, ma esistono dispositivi a basso costo, come termostati programmabili e sensori di luce e movimento, che possono essere di ausilio.

Anche articoli poco costosi, come i rivestimenti anti-intemperie e le lampadine ad alta efficienza, possono essere molto convenienti. Questi semplici articoli possono ripagare con un risparmio in breve tempo, a volte in meno di un anno.

Una volta installati, questi elementi “fissano” i risparmi anno dopo anno. Un periodo di recupero dell’investimento in sette anni è ragionevole, ma lo stesso periodo di recupero dell’investimento in tre anni o, addirittura meno, è ancora meglio.

5. Impegnarsi nel disinvestimento dai combustibili fossili

Per anni le istituzioni cattoliche, comprese le parrocchie, le diocesi, le arcidiocesi e gli ordini religiosi, hanno preso la decisione profetica di disinvestire dai combustibili fossili.

Nel giugno 2020, il Vaticano ha approvato pienamente la decisione di disinvestire attraverso la sua prima serie di linee guida ambientali complete, che inquadrano l’investimento nei combustibili fossili come una scelta etica, alla pari di altre scelte etiche significative.

Le linee guida suggeriscono che gli impegni etici delle istituzioni cattoliche dovrebbero esortare a “fare attenzione a non sostenere le compagnie che danneggiano l’ecologia umana o sociale (ad esempio, attraverso l’aborto o il commercio di armi) o l’ecologia ambientale (ad esempio, attraverso l’uso di fossili combustibili). “

Papa Francesco ha anche parlato con determinazione della necessità di abbandonare i combustibili fossili e ha invitato le istituzioni cattoliche a fare strada su questo.

Nella sua seconda apparizione ai TED Talk (sotto), Papa Francesco ha affermato che dovrebbe esserci una “sostituzione graduale ma senza ritardi” dei combustibili fossili e che gli investimenti non dovrebbero essere destinati a “quelle compagnie che non soddisfano i parametri dell’ecologia integrale …”

Ha continuato, applaudendo quelle parrocchie che hanno già preso decisioni così coraggiose e ispiratrici.

“Molte organizzazioni, cattoliche e di altre professioni, si sono già assunte la responsabilità di agire in questa direzione”, ha affermato papa Francesco.

 

RIFLETTORI SULLE PARROCCHIE

Quasi 200 istituzioni cattoliche nel mondo hanno già disinvestito dai combustibili fossili. Clicca qui per visualizzare l’intero elenco delle istituzioni cattoliche che si sono impegnate a disinvestire totalmente o in parte.

Padre Endra Wijayanta, direttore della Commissione Giustizia, Pace e Integrità del Creato per l’arcidiocesi di Semarang, in Indonesia, ha comunicato la  decisione della commissione di disinvestire: “Dobbiamo fermare la nostra spirale ecologica di morte. Dobbiamo far rivivere la nostra speranza ecologica, in grande pentimento da parte dell’umanità, intraprendendo la strada per una vita più sostenibile “.

 

6. Transizione verso energie rinnovabili

Nello storico accordo di Parigi sul clima del 2015, i paesi hanno convenuto che la transizione dai combustibili fossili dovrebbe essere quasi completata entro il 2050.

Le parrocchie cattoliche possono dare il buon esempio passando in parte o totalmente alle energie rinnovabili il prima possibile, prima del 2050.

Già centinaia di parrocchie e comunità religiose hanno aperto la strada installando pannelli solari o facendo più affidamento sull’energia eolica o geotermica.

Non c’è mai stato un momento migliore per effettuare questo passaggio. Le barriere economiche del passato alle fonti di energia rinnovabile, come i costi più elevati per i pannelli solari, sono quasi diminuite poiché il prezzo del solare è diminuito drasticamente.

Se la tua parrocchia ha esaminato tali mosse in passato ma ha deciso diversamente a causa dei costi, vale la pena rivedere questa opportunità.

RIFLETTORI SULLE PARROCCHIE
PARROCCHIA DI ST. PETER
Bandra, Maharashtra India

La parrocchia di Saint Peter ha installato 165 pannelli solari (52 kW totali) sulla chiesa e sulla terrazza che forniranno energia alla chiesa, alla scuola e ad altri edifici parrocchiali.

“La Parrocchia di St. Peter e la la Scuola Superiore di St. Stanislaus a Mumbai hanno la reputazione di essere in prima linea nel campo dell’istruzione da oltre un secolo e mezzo. La direzione ha sentito la necessità di mirare a un impegno a emissioni zero di carbonio per mostrare agli studenti e alla società la necessità, la fattibilità economica e la responsabilità delle istituzioni nel contribuire al risparmio energetico ”, afferma il parroco P. Errol Fernandes, SJ.

Si prevede che il progetto venga ammortizzato entro sette anni, sostiene p. Fernandes.

7. Motivare i parrocchiani attraverso il dialogo

La Laudato Si’ crea una meravigliosa opportunità per iniziare o continuare conversazioni nelle parrocchie sulla cura del creato di Dio.

Ci sono molti modi in cui le parrocchie possono aiutare i cattolici a comprendere meglio la Laudato Si’, che ci ricorda che ” tutto è connesso ” e colloca millenni di insegnamento cattolico nel contesto della crisi ecologica e dell’emergenza climatica di oggi.

Tra i modi:

  • Celebrare il creato attraverso liturgie speciali, celebrazioni devozionali, incontri di preghiera
  • Educare i parrocchiani sui temi della Laudato Si’
  • Promuovere scelte di vita rispettose del creato e compatibili con un clima globale stabile
  • Lavorare per la giustizia sociale e ambientale in solidarietà con i poveri
  • Favorire la conversione personale e la santità, soprattutto attraverso le virtù della temperanza e della prudenza

 

RIFLETTORI SULLE PARROCCHIE
NOSTRA SIGNORA DI EL CISNE
Tena, Napo Ecuador

Padre Victor Toapanta, Parroco di Nostra Signora di El Cisne a Tena, ha recentemente inserito lo studio dell’enciclica Laudato Si ‘nella pianificazione pastorale per l’intero anno.

P. Toapanta ha anche apportato alcune modifiche alle infrastrutture della parrocchia, migliorando le luci per risparmiare energia e l’uso dell’acqua è controllato e monitorato mensilmente per prevenire le perdite.

CHIESA MADRE DI SAN GUGLIELMO E SAN BARTOLOMEO
Sicilia, Italia

In Sicilia, Italia, Rosetta ha aiutato la sua parrocchia e la sua comunità, la Comunità Papa Giovanni XXIII, a creare una nuova missione pastorale, ravvivata e arricchita dalla spiritualità della Laudato Si’.

La comunità ha  in programma di incorporare la Laudato Si’ nel loro prossimo anno pastorale nei seguenti modi:

  • Inizio anno: due giorni per approfondire il messaggio dell’Enciclica ’e il Cantico delle Creature di San Francesco
  • Avvento: altri due giornate sulla spiritualità ecologica
  • Quaresima: due giornate dedicate  alla conversione ecologica e allo sviluppo di nuovi stili di vita
  • Giugno: Ritiro Laudato Si’

“Queste opportunità di preghiera e riflessione nutriranno la nostra anima e ci orienteranno ulteriormente verso una relazione vivificante con il nostro Creatore e con tutto il creato”, lei afferma.

 

Rosetta ha aiutato la sua comunità italiana a dare vita alla Laudato Si ’.

8. Incoraggiare i parrocchiani ad intraprendere azioni

Migliaia di parrocchiani in tutto il mondo stanno aprendo la strada nelle loro chiese. Tanti parrocchiani dei sei continenti sono diventati Animatori Laudato Si’, paladini dell’azione cattolica sul cambiamento climatico.

Persone appassionate provenienti dai sei continenti si incontrano durante il corso per conoscere le cause profonde della crisi climatica e i principi fondamentali della Laudato Si’. Per completare il programma, agiscono nelle loro comunità con un progetto finale.

 Scopri di più sul programma Animatori Laudato Si’ che cambia la comunità

In molti casi, i parrocchiani hanno imparato a conoscere il programma Animatori Laudato Si’ attraverso la guida della parrocchia, leggendolo nel bollettino o sulle pagine dei social media e / o sul sito web della chiesa.

 

RIFLETTORI SULLE PARROCCHIE
MARIA, MADRE DI DIO
Varsavia, Polonia

Dopo che Małgorzata Zawilska di Varsavia, Polonia, è diventata un’animatrice Laudato Si’ all’inizio del 2020, si è sentita ispirata e desiderosa di continuare ad agire per il creazione.

Ha lavorato con il suo sacerdote nella parrocchia Maria, Madre di Dio per formare un Circolo Laudato Si’, piccoli gruppi di persone che si incontrano regolarmente per approfondire la loro relazione con Dio come Creatore e con tutto il creato.

Il suo Circolo Laudato Si’ ha accolto diverse persone nel gruppo, preparando post su Facebook per promuovere gli incontri e annunciando gli incontri dopo alla fine delle messe domenicali.

Il lavoro più visibile di Małgorzata è avvenuto durante la stagione del creato 2020. Per la celebrazione annuale di preghiera e azione per la nostra casa comune, Małgorzata e il GCCM Polonia hanno organizzato per la sua parrocchia l’installazione di un sensore di qualità dell’aria.

Małgorzata Zawilska, con l’aiuto del GCCM Polonia, ha installato un sensore di qualità dell’aria vicino alla sua parrocchia.

Il sensore dell’aria non solo informa i parrocchiani circa l’inquinamento atmosferico nella zona, serve anche come promemoria visibile della Chiesa cattolica che considera l’inquinamento atmosferico un vero problema che colpisce la salute di tutti e che deve essere risolto.

La Polonia ha una delle peggiori percentuali di smog nell’Unione europea, in gran parte a causa del forte uso del carbonio nel paese. Secondo le stime dell’Agenzia Europea dell’Ambiente, solo nel 2016 l’inquinamento atmosferico della Polonia ha causato oltre 43.000 morti premature.

9. Stimolare le conversioni ecologiche

Nella Laudato Si’, Papa Francesco afferma la necessità che tutti noi dobbiamo vivere una conversione ecologica ” che comporta il lasciar emergere tutte le conseguenze del [nostro] incontro con Gesù nelle relazioni con il mondo [che ci circonda] “. (LS 217)

Come le parrocchie e i loro amministratori hanno fatto per secoli, essi possono aiutare i cattolici a connettersi più profondamente con il nostro Creatore attraverso liturgie e omelie speciali, celebrazioni devozionali come le ore sacre e il rosario, musica e opere d’arte e tanti altri modi, tutti con l’intenzione di aiutare i fedeli a comprendere la necessità del prendersi cura del creato di Dio.

RIFLETTORI SULLE PARROCCHIE
PARROCCHIA DI MALATE
Manila, Filippine

La parrocchia di Malate, situata nella baia di Manila, è una delle chiese più antiche delle Filippine (1588). Gestita dai missionari colombani, ha un forte orientamento alla giustizia sociale a cui la componente Care for the Earth, altrettanto forte, è stata aggiunta circa 25 anni fa.

Il programma del ministero aiuta a organizzare le attività per il Tempo del Creato, la celebrazione annuale di preghiera e azione per la nostra casa comune, che si tiene dal 1 settembre al 4 ottobre.

Care for the Earth ha anche sviluppato una vasta gamma di altri programmi di ausilio ai parrocchiani, tra cui l’Earth Hour, un programma di disintossicazione quaresimale, il Rosario Cosmico e le Stazioni Ecologiche della Croce, e l’educazione relativa all’installazione di 60 pannelli solari sul tetto della chiesa.

CATTEDRALE DI SAN MATTEO APOSTOLO
Washington, D.C., USA

Il team di cura del creato della parrocchia di San Matteo, a cui appartiene il diacono Clayton Nickel, è motivato ad agire in modo che gli altri si prendano cura della nostra casa comune, soprattutto quando la crisi climatica peggiora in tutto il mondo.

Ma i membri del team si sentono anche particolarmente chiamati ad agire in modo da poter aiutare i loro fratelli e le loro sorelle a intraprendere una conversione ecologica.

Durante il Tempo del Creato 2020, il team di cura del creato ha organizzato cinque eventi che hanno incluso preghiera, ascolto e conversazione.

“Riteniamo davvero che debba esserci qualcosa di più di un semplice cambiamento tecnologico; deve esserci un cambiamento di cuore e un cambiamento di mente”, afferma il diacono Nickel.

“Questa pandemia di COVID-19 ci sta permettendo di guardarci dentro davvero, e riflettere profondamente su molti preconcetti che abbiamo, ed è lì [dove] stiamo cercando di guidare i nostri fratelli e sorelle, a quel senso di conversione ecologica .”

10. Impegnarsi nella mobilitazione basata sulla fede

La Laudato si’ chiede pressione pubblica per realizzare un’azione politica decisiva abbracciando questi concetti:

  • urgente necessità di una drastica riduzione delle emissioni dei gas serra
  • necessità di accordi internazionali applicabili
  • maggiori responsabilità delle nazioni industrializzate ad alte emissioni di fornire soluzioni ai problemi che hanno causato.

Le parrocchie sono inoltre invitate a prendere parte agli sforzi locali  contro la crisi climatica in corso.

Alla vigilia del Tempo del Creato 2020, Papa Francesco si è anche pronunciato con forza contro gli atti di “saccheggio” verso il creato di Dio e ha invitato tutte le persone ad agire per proteggere i doni di Dio “oggi, non domani, oggi”.

Sua Santità, parlando nel suo video mensile, ha affermato  che i paesi e le aziende del Nord del mondo sfruttano “doni naturali del Sud [del mondo], generando un” debito ecologico “.

“Chi pagherà quel debito?” ha chiesto.

“Inoltre, il ‘debito ecologico’ si allarga quando le multinazionali fanno al di fuori dei loro paesi ciò che non possono fare nei loro. È oltraggioso. “

Le parrocchie sono invitate a unirsi ai migliaia di cattolici in tutto il mondo e “Sostenere papa Francesco” dicendo no al saccheggio e sì alla condivisione delle risorse della Terra.

Maggiori informazioni su tutto quanto sopra sono disponibili qui, nella Guida eco-parrocchiale del Movimento Cattolico Mondiale per il Clima.

 

Laudato Si’ Movement
Laudato Si’ Movement

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments