10 iniziative cattoliche per prendersi cura del creato

da | Gen 5, 2021 | Blog, Notizie e aggiornamenti, Organizzazioni Membro

La Chiesa cattolica mondiale si è impegnata in diverse iniziative per prendersi cura della nostra casa comune e prevenire i peggiori effetti della crisi ecologica e dell’emergenza climatica. Ogni giorno, il clero, le persone comuni e le organizzazioni in tutto il mondo si prendono cura di tutti gli elementi del creato.

Le organizzazioni svolgono un ruolo particolarmente vitale in questo impegno globale. Come parte del Movimento Cattolico Mondiale per il Clima, quasi 750 organizzazioni membro guidano le loro comunità ad agire contro la crisi climatica.

Di seguito abbiamo evidenziato 10 di queste organizzazioni che stanno svolgendo un lavoro esemplare in tutto il mondo. Clicca qui per conoscere le organizzazioni membro, e sapere come la tua organizzazione può diventarlo e unirsi a questo movimento oggi stesso.

Iglesias y Minería, la rete Chiese e Miniere, è composta da comunità cristiane, équipe pastorali, congregazioni religiose e conferenze episcopali che cercano di rispondere agli impatti e alle violazioni dei diritti socio-ambientali causati dalle attività minerarie in Brasile, Perù, Cile, Uruguay, Ecuador, Colombia, Honduras, Argentina e Guatemala, spiega Guilherme Cavalli.

La rete incoraggia in particolare le organizzazioni e le parrocchie a mettere in atto i propri valori disinvestendo dall’attività mineraria.

La presa di posizione profetica è stata confermata nel documento finale del Sinodo sull’Amazzonia, in cui si afferma: “… abbracciamo e sosteniamo campagne di disinvestimento da società estrattive responsabili del danno socio-ecologico dell’Amazzonia, a cominciare dalle nostre stesse istituzioni ecclesiali e anche in alleanza con altre chiese”.

Con sede negli Stati Uniti, l’Ignatian Solidarity Network lavora per “fare rete, educare e formare sostenitori della giustizia sociale animati dalla spiritualità di Sant’Ignazio di Loyola e dalla testimonianza dei martiri gesuiti di El Salvador e dei loro compagni”.

Durante tutto l’anno, la rete ospita programmi di leadership e organizza iniziative di sensibilizzazione, come l’attuale lavoro per i richiedenti asilo al confine tra Stati Uniti e Messico.

Ogni anno, la rete di solidarietà ignaziana organizza una giornata di formazione per la giustizia della famiglia ignaziana a Washington, DC, un evento che porta più di 2.000 persone nella capitale degli Stati Uniti per difendere la giustizia sociale cattolica.

La Federazione Organizzazioni Cristiane Servizio Internazionale Volontario (FOCSIV) ha iniziato il suo lavoro di cambiamento del mondo quasi 50 anni fa, nel 1972. La FOCSIV è attualmente composta da 87 organizzazioni che lavorano in più di 80 paesi in tutto il mondo.

La federazione ha impiegato 27.000 volontari internazionali e giovani nel servizio civile e rimane impegnata in progetti di sviluppo a lungo termine nell’agricoltura, nella difesa dei diritti umani e nel rafforzamento istituzionale, tra le altre aree.

A settembre, la FOCSIV, insieme  la Conferenza Episcopale Italiana e altre organizzazioni, ha pubblicato la “Guida per l’ecologia integrale” , che presenta 20 studi di casi stimolanti che aiuteranno tutte le organizzazioni a dare vita alla Laudato Si’.

“FOCSIV si impegna con convinzione per l’ecologia integrale”, afferma nella guida  il presidente Gianfranco Cattai.

Maxwell Ikutwa, un giovane della Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mukumu, ed
Emmanuel Musungu Wesonga lavorano in un vivaio diocesano a Mukumu, in Kenya.
(foto di CJPC Kakamega)

La Commissione Cattolica per la Giustizia e la Pace della diocesi di Kakamega lavora tutto l’anno per portare giustizia, una buona amministrazione, pace e progresso nelle comunità di tutta la diocesi.

La diocesi sta attualmente ospitando numerosi programmi, tra cui circa 15.000 piantine di pino nei vivai, attività, questa, sostenuta anche dal Global Green Grant Fund. Le piantine aiuteranno le attività di rimboschimento dell’area.

La CIEC, Confederación Interamericana de Educación Católica, o Confederazione Interamericana dell’Educazione Cattolica, lavora con i suoi membri nelle Americhe per evangelizzare attraverso l’educazione, condividere i principi di una forte educazione cattolica e promuovere la solidarietà tra i suoi membri.

La confederazione ha incoraggiato e aiutato i suoi membri a prendere parte a numerose campagne di cura del creato, tra cui la Settimana Laudato Si’ e il Tempo ecumenico del Creato, all’inizio di quest’anno.

“Ispirata dalla Laudato Si’, n. 13, ‘L’umanità ha ancora la capacità di collaborare per costruire la nostra casa comune’, l’Ufficio per lo Sviluppo Umano/Cambiamento Climatico della Federazione delle Conferenze Episcopali Asiatiche (FABC-OHD/CCD )si sforza di raggiungere le varie Conferenze Episcopali Asiatiche per evidenziare il grido della terra e il grido dei poveri, poiché questa è la realtà in molti paesi asiatici ”, afferma padre Joseph Gonsalves, segretario esecutivo dell’ufficio.

“La FABC-OHD/CCD prevede una chiesa ‘verde’ che adotti uno stile di vita ’verde’ e promuova un’evangelizzazione ‘verde’ a persone di diverse fedi. L’ufficio prevede che le persone in Asia abbraccino una spiritualità ‘verde’ per prendersi cura della nostra casa comune ed essere sensibili ai bisogni dei poveri “.

Durante il Tempo del Creato 2020, padre Joseph ha scritto un e-booklet intitolato “Riflessioni su ‘Aqua Fons Vitae’. Orientamenti sull’acqua: simbolo del grido dei poveri e del grido della Terra ‘”, con riferimenti al documento del Dicastero Vaticano per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale pubblicato a marzo 2020. ‘Aqua fons vitae’ in latino significa “ l’ acqua, fonte di vita .”

L’ufficio ha invitato tutti a vivere in profondità il mese del Tempo del Creato attraverso la lettura del testo del Vaticano, l’e-booklet della federazione e l’azione.

Se la tua parrocchia sta cercando di diventare più attiva nella cura del creato, non c’è miglior esempio della parrocchia Santi Giuseppe e Antonio a Brisbane, in Australia. Il gruppo parrocchiale per la cura del creato lavora per “rispondere amorevolmente – sia in preghiera che con un’azione pratica positiva – sotto la guida dello Spirito Santo” al grido della Terra e al grido dei poveri, ed è attivo con diversi eventi durante tutto l’anno.

Padre Gerry Hefferan incoraggia tali azioni e parla spesso della necessità per tutta l’umanità di prendersi cura del creato di Dio.

“È essenziale proteggere la Terra dall’avidità umana”, ha scritto l’ultimo giorno del Tempo del Creato. “Come sappiamo, a volte l’avidità umana può avere effetti devastanti. Come proteggiamo il patrimonio, le opere d’arte, la spiritualità e le antiche concezioni del creato? “

L’Australia, circondata dall’acqua, è particolarmente a rischio dei peggiori effetti della crisi climatica, come l’innalzamento del livello del mare.

“I cattolici si preoccupano del cambiamento climatico e stanno lavorando duramente per creare soluzioni”.

Dal 2006, il Catholic Climate Covenant ha stimolato i cattolici e le istituzioni negli Stati Uniti ricordando che la cura del creato e la cura dei poveri sono i principi fondamentali della fede cattolica.

La Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti ha contribuito a creare il patto cattolico sul clima quasi 15 anni fa per aiutare a implementare la dottrina cattolica sociale sull’ecologia nella Chiesa degli Stati Uniti.

Negli ultimi anni, il patto e i suoi 19 partner nazionali hanno contribuito a facilitare una lettera a cura di oltre 125 leader cattolici al presidente degli Stati Uniti Donald Trump, esortandolo a sostenere il Clean Power Plan.

“Come cattolici abbiamo un’alleanza con Dio per essere custodi del creato. Come umanità siamo legati perché entrambi viviamo nella creazione di Dio e siamo il creato di Dio. La nostra casa comune  ha urlato molte volte: uragani, inondazioni, barriere coralline morenti, enormi incendi e siccità, che hanno ostacolato la nostra capacità di coltivare cibo, sconvolgendo vite e sfollando milioni di persone “, afferma Elena Gaona, direttrice delle comunicazioni del patto.

“Al Catholic Climate Covenant, diciamo che la nostra missione è ispirare ed attrezzare le persone e le istituzioni per prendersi cura del creato e dei poveri. La seconda parte è particolarmente importante per tutto il nostro lavoro, poiché sono le comunità che vivono in povertà ad essere colpite per prime e, soprattutto, dai cambiamenti climatici, ma le loro abitudini di vita quotidiana sono quelle che contribuiscono meno all’inquinamento “.

Negli ultimi tempi, l’Università Francisco de Vitoria di Madrid ha condiviso in maniera costante il messaggio unificante della Laudato si’ sulla cura del creato. Ora l’istituto Regnum Christi lavorerà ancora più strettamente con il GCCM dopo aver firmato un accordo formale a ottobre.

Il documento delinea le modalità attraverso le quali   l’università si impegnerà nella salvaguardia del creato e nella mitigazione degli effetti del cambiamento climatico.

Tra le azioni menzionate nell’accordo vi sono i piani per la promozione della sostenibilità nelle case, nelle comunità e nelle istituzioni, e il sostegno alla cura del creato dentro e fuori la Chiesa cattolica, un impegno che includerà la richiesta ai leader di attenzione verso la nostra casa comune e  coloro più colpiti dall’emergenza climatica.

La Climate Justice Coalition è un gruppo di sindacati sudafricani, società civile, organizzazioni di base e di comunità che si sono unite per promuovere un “programma di giustizia climatica di trasformazione” che affronta “la disuguaglianza, la povertà e la disoccupazione che pervade il Sudafrica ”, afferma 350 Africa, uno dei membri della coalizione.

Anche il GCCM Africa fa parte della coalizione e Bernadette Crewe-Brown rappresenta l’aspetto relativo alla fede.

“Sono motivata dalla mia convinzione che un mondo giusto e pacifico in cui tutti vivono in armonia con la nostra Terra e l’un l’altro sia possibile se tutti ascoltiamo e ci ascoltiamo, come papa Francesco ci invita a fare nella Laudato Si ‘”, dice Bernadette.

“La spinta più importante in questo momento è una transizione energetica giusta, che include il disinvestimento dai combustibili fossili … È imperativo che le persone più vulnerabili e colpite dalla povertà siano protette attraverso questa transizione”.

Clicca qui per saperne di più sulle organizzazioni membro, e sapere come la tua organizzazione può diventarlo e unirsi a questo movimento oggi stesso.

Jonathon Braden
Jonathon Braden

Scrittore
Nebraska, Stati Uniti d’America
Jonathon Braden ha più di 10 anni di esperienza in scrittura e comunicazione. Vuole raccontare la storia del GCCM.

0 commenti