Le istituzioni religiose annunciano il più grande disinvestimento dai combustibili fossili mai visto prima d’ora, in vista della COP26

da | Ott 26, 2021 | Blog, Disinvestimento, Notizie e aggiornamenti | 0 commenti

Martedì, cinque giorni prima della 26a Conferenza delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici a Glasgow, le istituzioni religiose di tutto il mondo si sono unite per il più grande annuncio di disinvestimento congiunto di sempre.

In totale, 72 istituzioni religiose nei sei continenti con oltre 4,2 miliardi di dollari di attività gestionali combinate hanno annunciato il loro impegno a disinvestire dai combustibili fossili.

Le azioni profetiche delle istituzioni seguono il recente appello di Papa Francesco e di altri leader religiosi ai governi mondiali di affrontare questa “crisi ecologica senza precedenti” in vista della COP26.

L’annuncio di martedì mostra che un numero crescente di istituzioni cattoliche sta rispondendo alla recente raccomandazione del Vaticano di disinvestire dalle compagnie di combustibili fossili e investire in soluzioni per il clima. 

Tomás Insua, Direttore Esecutivo del Movimento Laudato Si’ ha dichiarato: “Le persone di fede stanno disinvestendo su larga scala da carbone, petrolio e gas sporchi, chiedendo al G20 di Roma di concludere finalmente che non c’è futuro per il finanziamento dei combustibili fossili. Come ha detto Papa Francesco: “Basta con la sete di profitto da parte dell’industria dei combustibili fossili che guida la distruzione della nostra casa comune“.

L’annuncio del disinvestimento mondiale arriva da istituzioni religiose in Australia, Irlanda, Italia, Kenya, Nepal, Perù, Ucraina, Regno Unito, Stati Uniti e Zambia.

Le istituzioni partecipanti includono la Conferenza dei Vescovi Cattolici della Scozia; il Central Finance Board della Chiesa Metodista nel Regno Unito; la Chiesa Presbiteriana del Galles; la Chiesa Presbiteriana in Irlanda; Università cattoliche negli Stati Uniti e nel Regno Unito; le Suore della Carità dell’Australia; Caritas Nepal; 15 diocesi cattoliche in Inghilterra, Scozia e Irlanda; due diocesi della Chiesa d’Inghilterra; 19 chiese della Chiesa greco-cattolica in Ucraina e il movimento religioso buddista Soka Gakkai International – Regno Unito.

Un elenco completo delle 72 istituzioni che stanno disinvestendo dai combustibili fossili  è disponibile qui.

Sei pronto con il tuo istituto ad unirti a loro? Ascolta le informazioni sulle istituzioni che hanno disinvestito e su come lo hanno fatto durante  una conversazione speciale sul tema COP26 giovedì.

COP26, Disinvestimento dai Combustibili Fossili e una Giusta Transizione per tutti

Nota: la conversazione si terrà  in inglese con traduzioni simultanee  in spagnolo, portoghese, italiano e francese.

Durante questo webinar speciale, il vescovo Bill Nolan, il vescovo coordinatore del settore Ambiente della Conferenza dei vescovi cattolici della Scozia condividerà il motivo per cui “parlare apertamente non è sufficiente, è necessaria un’azione” e come “lo status quo non è accettabile”. Partecipa alla conversazione.

Lui e altri leader religiosi spiegheranno anche come il percorso verso la giustizia climatica richiede che disinvestiamo e “ci allontaniamo dai combustibili fossili”.

Jonathon Braden
Jonathon Braden

Scrittore
Nebraska, Stati Uniti d’America
Jonathon Braden ha più di 10 anni di esperienza in scrittura e comunicazione. Vuole raccontare la storia del GCCM.

5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments
trackback
6 mesi fa

[…] prima della COP26, l’annuncio del disinvestimento è stato ancora più ampio. Ha coinvolto 72 istituzioni religiose, un impegno per un totale di 4,2 miliardi di dollari in […]