“Proteggere la biodiversità del pianeta è un dovere morale per tutte le persone di buona volontà”

da | Mag 16, 2022 | Blog, Notizie e aggiornamenti | 0 commenti

Sessione di formazione per tecnici del fotovoltaico realizzata in Burundi da Efrem. 

Installazione di un impianto fotovoltaico per uffici in Kenya

La storia che segue è stata scritta dal dottor Giovanni Benedetto Colombo, fondatore di Efrem -Energy Freedom Onlus, come testimonianza del suo coinvolgimento nella Piattaforma d’azione Laudato Si’. L’articolo è stato modificato per ragioni di brevità e chiarezza. Per saperne di più sulla Piattaforma d’azione Laudato Si’, partecipate alla Settimana Laudato Si’, che si svolgerà dal 22 al 29 maggio. 

Buongiorno, sono Giovanni Benedetto Colombo. Attualmente lavoro e vivo nella Repubblica Democratica del Congo come volontario cattolico. Conosco l’Africa dal 1965. Mi sono laureato in Economia e Commercio all’Università Cattolica di Milano nel 1969 e ho fondato la ONG Efrem – Energy Freedom nel 2007. Dal 2009 ho svolto una piccola attività accademica presso il CUEA (Nairobi – Kenya), l’Università Cattolica di Milano e Piacenza (Italia), l’Università di Makeni (Sierra Leone), l’UAC (Butembo – RDC). 

La missione di Efrem è diffondere la cultura e l’uso delle energie rinnovabili nei Paesi poveri per ridurre la povertà e mitigare l’inquinamento, la deforestazione e la desertificazione, ovvero rispettare l’ambiente e la biodiversità.

A questo scopo, Efrem ha progettato una serie di azioni e piani, in particolare:

  • 22 sessioni di formazione per circa 300 tecnici del fotovoltaico in 10 paesi africani 
  • Oltre 50 impianti fotovoltaici progettati e installati in 10 paesi africani 
  • Piani specifici per mitigare l’inquinamento, la deforestazione e la desertificazione in Tanzania e nella Repubblica Democratica del Congo (vedi sotto).

Installazione di un impianto solare termico per la produzione di acqua calda (RDC).

Rispetto per l’ambiente 

Il rispetto dell’ambiente è assolutamente essenziale per il benessere del pianeta. Secondo Efrem, oggi la principale minaccia alla biodiversità è rappresentata dall’attività umana, causata da: 

  1. L’egoismo dei ricchi, che scelgono di sfruttare eccessivamente le risorse naturali della Terra, contribuendo volontariamente all’inquinamento e alla distruzione della biodiversità. 
  2. Le esigenze di sopravvivenza dei poveri. Questi sono costretti a utilizzare le risorse naturali immediatamente disponibili nel loro territorio, contribuendo innocentemente all’inquinamento, alla deforestazione e alla desertificazione, quindi alla distruzione della biodiversità.
  3. La necessità di vita quotidiana per gli abitanti della foresta pluviale. È necessario affrontare questioni specifiche, ovvero A. Proteggere gli abitanti delle foreste pluviali dallo sfruttamento esterno del loro habitat, che porta alla deforestazione e alla distruzione della biodiversità. B. Ridurre l’uso delle risorse naturali disponibili sulla loro terra, contribuendo innocentemente all’inquinamento, alla deforestazione, alla desertificazione e alla distruzione della biodiversità. L’Efrem sta cercando di combattere la distruzione della biodiversità nei Paesi dell’Africa subsahariana attuando una serie di azioni. Tutte le azioni eliminano l’inquinamento o lo riducono di almeno il 50%. Inoltre, tutte le azioni creeranno nuovi posti di lavoro permanenti, riducendo così la povertà e la necessità di aiuti.

Installazione di un sistema per produrre acqua bollente e acqua bollita nella RDC, partendo dall’acqua calda prodotta con lo scaldabagno della foto precedente.

Lotta per la salvaguardia dell’ambiente nei territori poveri: esempi di azioni innovative di Efrem:

Piano per ridurre significativamente l’inquinamento, la deforestazione e la desertificazione nelle scuole residenziali cattoliche in Tanzania. Si tratta di un sistema fotovoltaico off-grid per la produzione di elettricità verde e di un pannello solare termico per la produzione di acqua calda verde. I due sistemi sono abbinati a dispositivi di cottura, come piastre e padelle a induzione, forni e così via. I sistemi comporranno un insieme per la preparazione dei pasti quotidiani nei collegi cattolici: niente legna, niente carbone, niente combustibile.

Inquinamento, deforestazione e desertificazione saranno ridotti a zero. Durante le vacanze estive, il sistema sarà utilizzato per attivare le IGA (attività generatrici di reddito), producendo cibo per la vendita o per l’autoconsumo. La stessa azione può essere proposta a qualsiasi collegio cattolico nei Paesi poveri, così come a enti sanitari e/o comunità cattoliche. A causa della mancanza di finanziamenti (almeno parziali), il piano non è stato ancora attuato, nonostante l’Efrem abbia condotto una serie di studi di fattibilità economica, tecnica e sociale.

Forno elettrico fotovoltaico per la produzione di pane installato in Tanzania.

Piano per ridurre l’inquinamento, la deforestazione e la desertificazione nei villaggi della diocesi di Butembo-Beni (RDC). Si tratta di un sistema fotovoltaico off-grid per la produzione di elettricità verde e di uno (o più) pannelli solari termici per la produzione di acqua calda verde. Entrambi i sistemi sono abbinati a dispositivi di ebollizione, come piastre a induzione, pentole e padelle. I sistemi comporranno un set per preparare acqua bollente (usata per cucinare in casa) e acqua bollita (usata come acqua potabile). In base ai nostri test, la legna risparmiata sarà quasi il 50% per l’acqua bollente per cucinare e il 100% per l’acqua potabile.

L’acqua bollita potrebbe essere venduta a un prezzo sociale, ad esempio 0,10 dollari per 1 litro. L’acqua bollita potrebbe essere venduta a 200 FC (0,10 USD) al litro. La stessa azione può essere proposta a qualsiasi villaggio dei Paesi poveri. Un progetto pilota è stato realizzato a Butembo e un altro sta per essere completato a Beni. 

Piano per aumentare la produttività delle micro e mini centrali idroelettriche nella diocesi di Butembo-Beni. La maggior parte degli impianti micro e mini idroelettrici della diocesi di Butembo-Beni sono utilizzati per il consumo locale. Pertanto, la loro rete di distribuzione è molto scarsa. L’utilizzo dell’elettricità prodotta dall’attività 24 ore su 24 della centrale è limitato al tempo di consumo, che in media è di 12 ore al giorno. Pertanto, la gran parte della produzione notturna (circa il 95%) va persa. La soluzione a questa situazione è l’accumulo dell’energia prodotta durante la notte e non consumata.

L’azione consiste nel dotare la centrale idroelettrica di un numero sufficiente di batterie per accumulare l’energia generata (e non consumata) dalle 6 del mattino alle 6 del mattino. Le stesse batterie, a partire dalle 06:00, restituiranno alla piccola rete l’energia accumulata durante la notte. Efrem ha realizzato uno studio di fattibilità economica generale del progetto. Considerando circa 20 impianti micro e mini idroelettrici appartenenti alla Diocesi di Butembo-Beni, la perdita di energia elettrica è di circa 1.800 kWh. Questo significa, in valore, 2,7 milioni di dollari ogni anno (1800 kWh * 12/h al giorno * 365 giorni all’anno * 0,35 prezzo di vendita in dollari di 1 kW a Butembo). Al momento non sono stati fatti calcoli precisi sulla riduzione annuale dell’inquinamento, ma certamente esiste e probabilmente non è piccola. La stessa azione (accumulo) può essere proposta a tutti i micro e mini impianti idroelettrici dei Paesi poveri.

Forno elettrico fotovoltaico per l’essiccazione della frutta (mango) installato in Tanzania.

Piano per la conservazione e la trasformazione del cibo che, in generale, si perde nei villaggi della diocesi di Butembo-Beni. Consiste in un impianto fotovoltaico off-grid per la produzione di elettricità verde. Il sistema è abbinato ad apparecchi di cottura come piastre a induzione, pentole e forni. La FAO informa che ogni anno nell’Africa subsahariana si perdono 157 kg di cibo a persona a causa della mancata conservazione e/o trasformazione. Ciò significa che in una famiglia africana di circa 6,5 persone, ogni anno si sprecano 1.020 kg di cibo. La perdita economica è di circa 400 dollari all’anno per famiglia.

L’obiettivo di Efrem è quello di ridurre questa perdita attraverso azioni specifiche, ovvero: A – Essiccazione di frutta e verdura che solitamente si deteriorano. B – Essiccazione di carne e pesce che solitamente si deteriorano C – Trasformazione della frutta che solitamente non viene consumata in marmellata e/o canditi. La conservazione e la lavorazione degli alimenti utilizzando l’energia verde ridurrà il consumo di legna da ardere e di altri combustibili, riducendo l’inquinamento, la deforestazione e la desertificazione, tutelando così la biodiversità (gratuitamente). Inoltre, lo stesso sistema sarà in grado di produrre altri alimenti, come pane e altri prodotti da forno. Se dotato di un mulino elettrico, potrà macinare mais o altri cereali. Potrebbe essere fornita anche un’incubatrice.

Efrem ha installato 2 forni e 5 cucine a induzione in Tanzania e nella RDC, tutti alimentati da un sistema fotovoltaico. Per il momento essiccano mango e producono pane e piccole pizze. Nel prossimo futuro verranno essiccati anche carne e pesce. La stessa azione può essere proposta a qualsiasi villaggio dei Paesi poveri. Questi sono solo alcuni esempi di applicazioni sociali delle energie rinnovabili, principalmente legate al cibo e all’allevamento. Sono disponibili molte altre applicazioni sociali.

Segui il Movimento Laudato Si’ su Instagram per altre storie sui cattolici che agiscono per la creato di Dio

Sessione di formazione per tecnici del fotovoltaico realizzata in Burundi da Efrem

Proteggere la biodiversità del pianeta è un dovere morale per tutte le persone di buona volontà, indipendentemente da chi siano e da dove vivano. Coniugare la tutela della biodiversità con la lotta alla povertà può diventare un’azione sociale su larga scala, che permette a centinaia di milioni di persone di ritrovare la dignità umana e cristiana, riducendo i rischi di conflitti e malattie derivanti dalla povertà e rispettando l’ambiente. A un costo molto, molto basso. Efrem ha condotto numerosi studi sui diversi ROI (Return of Investment) dell’applicazione sociale delle energie rinnovabili. Sono tutti positivi. È ora di agire. Grazie mille per la vostra attenzione.

Scopri di più sulla Piattaforma di Iniziative Laudato Si’ aderendo su Settimana Laudato Si’, dal 22 al 29 Maggio 

Vedi l’intervista di Giovanni:

Ti piace questa storia? Votala e condividi i tuoi commenti qui sotto.

 

Laudato Si’ Movement
Laudato Si’ Movement

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments