10 miti sulla cura del creato

da | Ott 27, 2020 | Blog, Notizie e aggiornamenti | 0 commenti

Troppo spesso il dibattito sulla cura del creato e sul lavoro per fermare la crisi climatica finisce per sfuggire al controllo. Una persona mostra la sua serie di “fatti” e un’altra fa altrettanto.

Ma la verità è là fuori, e come persone di fede, siamo chiamati a studiare la verità, proclamarla e usarla per prenderci cura del creato di Dio. “Vivere la nostra vocazione ad essere protettori dell’opera di Dio è. . . non un aspetto opzionale o secondario della nostra esperienza cristiana “. (LS 217)

Ecco 10 miti comuni sulla cura della nostra casa comune.

1. Il clima è sempre cambiato.

Il clima è cambiato nel corso della storia, ma gli scienziati affermano che il cambiamento climatico che stiamo vedendo ora in tutto il mondo è causato dagli esseri umani che immettono nell’atmosfera più gas serra, che intrappolano il calore.

“I gas serra – principalmente CO2, ma anche metano – sono stati implicati nella maggior parte dei cambiamenti climatici nel passato della Terra”, secondo Skeptical Science, un sito web che affronta lo scetticismo sui cambiamenti climatici. 

“Quando sono stati diminuiti, il clima globale è diventato più freddo. Quando sono aumentati, il clima globale è diventato più caldo. Quando i cambiamenti sono stati grandi e rapidi (come lo sono oggi), le conseguenze per la vita sulla Terra sono spesso state disastrose, causando, in alcuni casi, estinzioni di massa “.

L’infografica sottostante mostra quanto la quantità di CO2 (parti per milione) nell’atmosfera sia correlata alla temperatura della Terra dal 1880.

Credit: ClimateCentral.org

La seguente infografica mostra come sono cambiati i livelli di CO2 negli ultimi 800.000 anni.

Credit: ClimateCentral.org

2. Gli scienziati non concordano sulla crisi climatica.

Circa il 97% degli scienziati del clima concorda sulla scienza della crisi climatica, secondo la  National Aeronautics and Space Administration (NASA) degli Stati Uniti.:

“Numerosi studi pubblicati su riviste scientifiche peer-reviewed mostrano che il 97% o più degli scienziati del clima che pubblicano attivamente concordano: le tendenze del riscaldamento climatico nel secolo scorso si sono rivelate estremamente probabili a causa delle attività umane. Inoltre, la maggior parte delle principali organizzazioni scientifiche mondiali ha rilasciato dichiarazioni pubbliche a sostegno di questa posizione “

Guarda il video qui di seguito per maggiori informazioni.

 

3. La persona comune non può fare nulla per questo grande problema.

Le azioni di una persona non fermeranno l’emergenza climatica, ma le azioni di una persona possono cambiare la sua vita e, a loro volta, influenzare gli altri e le comunità in cui vivono e lavorano.

“Una casa con pannelli solari può portare  altri nel vicinato a installare pannelli solari propri. Allo stesso modo, possiamo monitorare il nostro consumo di elettricità quando le bollette ce lo indicano e confrontiamo il nostro utilizzo con quello dei nostri vicini “, riferisce il New York Times.

I cittadini regolari di tutto il mondo possono anche rivolgersi  ai propri funzionari eletti e assicurarsi che la cura del creato sia una priorità assoluta. Tali azioni possono portare a cambiare il mondo molto più velocemente di quanto potremmo pensare.

Dal  National Geographic: “Le automobili hanno sostituito i cavalli in 15 anni in molti luoghi. Per migliaia di anni siamo andati d’accordo senza plastica, e poi in pochi decenni è stata ovunque. Nel corso della storia, siamo stati inventori ingegnosi e rapidi nell’adozione di nuove tecnologie. Con la volontà popolare e le giuste politiche, non avremo problemi a creare nuove infrastrutture energetiche e di trasporto, merci realizzate senza tossine o emissioni di carbonio, sostituti della plastica biodegradabile “.

4. I cattolici dovrebbero occuparsi di altri temi, non di cambiamento climatico e scienza.

La storia dei cattolici che si prendono cura del creato risale a millenni fa, già dando uno sguardo alla storia della creazione nel libro della Genesi.

Nel corso della lunga storia della Chiesa, innumerevoli persone, santi e papi hanno riconosciuto che è nostro dovere prenderci cura del creato di Dio.

Per saperne di più: 10 santi la cui cura per il creato ci ispira ancora oggi

Al giorno d’oggi,  i cattolici di tutto il mondo seguono i sette principi della Dottrina Cattolica Sociale, uno dei quali è “la cura della nostra casa comune”.

All’inizio di quest’anno, il Vaticano ha ulteriormente precisato che la cura  per il creato per la fede cattolica è vitale.

A giugno, per celebrare il quinto anniversario della Laudato si’, tutti i dicasteri del Vaticano – i suoi ministeri o dipartimenti – hanno lavorato insieme per pubblicare alcune linee guida ambientali pratiche che guideranno la Chiesa mondiale negli anni a venire.

Queste prime linee guida in assoluto vogliono essere operative e suggerire modi concreti per la Chiesa di mettere in pratica la Laudato Si ’.

Le linee guida inquadrano l’investimento nei combustibili fossili come una scelta etica, alla pari di altre scelte etiche significative.

Il documento suggerisce che gli impegni etici delle istituzioni cattoliche dovrebbero esortare  a “fare attenzione a non sostenere le aziende che danneggiano l’ecologia umana o sociale (ad esempio, attraverso l’aborto o il commercio di armi), o l’ecologia ambientale (ad esempio, attraverso l’uso di combustibili fossili ). ” 

Clicca qui per leggere “In cammino verso la cura della nostra casa comune: cinque anni dalla Laudato si'”.

5. La Bibbia dice che gli esseri umani “sono dominio” su ogni altra cosa, il ché ci dà il permesso di fare ciò che ci piace sulla Terra.

Genesi 1,28 recita:, “. . .  Dio li benedisse e disse loro: «Siate fecondi e moltiplicatevi, riempite la terra; soggiogatela e dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e su ogni essere vivente, che striscia sulla terra».

Cosa significa “avere dominio”? Papa Francesco affronta a lungo la questione nella Laudato si’.

“Noi non siamo Dio. La terra ci precede e ci è stata data. Ciò consente di rispondere a un’accusa lanciata contro il pensiero ebraico-cristiano: è stato detto che, a partire dal racconto della Genesi che invita a soggiogare la terra (cfr Gen 1,28), verrebbe favorito lo sfruttamento selvaggio della natura presentando un’immagine dell’essere umano come dominatore e distruttore.” (LS 67)

Papa Francesco elabora e chiarisce che tale interpretazione “non è una corretta interpretazione della Bibbia come intesa dalla Chiesa”.

“ . . .oggi dobbiamo rifiutare con forza che dal fatto di essere creati a immagine di Dio e dal mandato di soggiogare la terra si possa dedurre un dominio assoluto sulle altre creature. È importante leggere i testi biblici nel loro contesto . . .” (LS 67)

Papa Francesco prosegue citando Genesi 2:15, che recita: “Il Signore Dio prese l’uomo e lo pose nel giardino di Eden, perché lo coltivasse e lo custodisse.”

“‘Mentre « coltivare » significa arare o lavorare un terreno, « custodire » vuol dire proteggere, curare, preservare, conservare, vigilare. Ciò implica una relazione di reciprocità responsabile tra essere umano e natura. Ogni comunità può prendere dalla bontà della terra ciò di cui ha bisogno per la propria sopravvivenza, ma ha anche il dovere di tutelarla e garantire la continuità della sua fertilità per le generazioni future.” (LS 67)

6. Non c’è modo di sapere quanto sia cambiato il clima in quanto non abbiamo dati da centinaia di anni.

È vero che non abbiamo un termometro di migliaia di anni fa, scrive Christina Nunez di National Geographic.

“Abbiamo altri dati registrati che ci aiutano a capire come sono state le temperature nel lontano passato. Ad esempio, gli alberi memorizzano informazioni sul clima nel luogo in cui sono radicati. Ogni anno gli alberi crescono più fitti e formano nuovi anelli. Negli anni più caldi e più umidi, gli anelli sono più spessi. I vecchi alberi e il legno possono parlarci di condizioni relative a centinaia o addirittura migliaia di anni fa”.

“Anche le finestre [sul] passato sono sepolte nei laghi e negli oceani. Polline, particelle e creature morte cadono ogni anno sul fondo di oceani e laghi, formando sedimenti. I sedimenti contengono una grande quantità di informazioni su cosa era presente nell’aria e nell’acqua quando sono caduti. Gli scienziati rivelano questo record inserendo tubi cavi nel fango per raccogliere strati di sedimenti risalenti a milioni di anni fa”.

“Per uno sguardo diretto all’atmosfera del passato, gli scienziati perforano nuclei attraverso le calotte polari della Terra. Le piccole bolle intrappolate nel ghiaccio sono in realtà campioni di atmosfera passata della Terra, congelati nel tempo. È così che sappiamo che le concentrazioni di gas a effetto serra dalla rivoluzione industriale sono più alte di quanto non lo siano state per centinaia di migliaia di anni “.

7. Papa Francesco è il primo papa a parlare di “cura del creato”.

I papi hanno parlato della necessità che tutte le persone si prendano cura del creato per decenni. I loro appelli sono diventati più frequenti e si sono intensificati con il peggioramento della crisi ecologica e dell’emergenza climatica.

Nel 1971, 49 anni fa, Papa Paolo VI diceva : “L’uomo ne prende coscienza bruscamente: attraverso uno sfruttamento sconsiderato della natura, egli rischia di distruggerla e di essere a sua volta vittima di siffatta degradazione.”

Durante il suo  Messaggio per la Giornata Mondiale della Pace del 1990, San Giovanni Paolo II ha parlato con forza del creato. “Si avverte ai nostri giorni la crescente consapevolezza che la pace mondiale sia minacciata. . .  anche dalla mancanza del dovuto rispetto per la natura, dal disordinato sfruttamento delle sue risorse e dal progressivo deterioramento della qualità della vita..”

Papa Benedetto XVI ha ulteriormente approfondito la tematica in base all’insegnamento ben consolidato della Chiesa durante il suo papato. È anche intervenuto, supervisionando l’installazione di pannelli solari nella Sala Nervi del Vaticano e contribuendo a rendere la Città del Vaticano il primo paese a diventare a emissioni zero.

Nella Laudato si’, la prima enciclica papale sull’ecologia, Papa Francesco ha inserito i millenni dell’insegnamento cattolico nel contesto della crisi ecologica e dell’emergenza climatica odierna.

8. I modelli climatici non sono accurati.

La modellistica è un atto difficile e complesso, certo, e tutti i modelli hanno dei limiti. Ma ora che sono trascorsi decenni da tali proiezioni, gli scienziati hanno anche studiato l’andamento dei modelli del passato.

La risposta: “La maggior parte dei modelli è stata abbastanza precisa.”

Uno studio ha confrontato 17 proiezioni del modello di temperatura media globale sviluppate tra il 1970 e il 2007 con le variazioni effettive della temperatura globale nel 2017.

“I risultati: 10 delle proiezioni del modello corrispondevano fortemente alle osservazioni. Inoltre, dopo aver tenuto conto delle differenze tra i cambiamenti modellati ed effettivi nell’anidride carbonica atmosferica e altri fattori che guidano il clima, il numero è aumentato a 14. Gli autori non hanno trovato prove secondo cui i modelli climatici valutano il riscaldamento sistematicamente sovrastimato o sottostimato nel periodo delle loro proiezioni. ” ha scritto Alan Buis del Laboratorio Jet Propulsion della NASA.

“I risultati di questo studio sui modelli climatici del passato rafforzano la fiducia degli scienziati su una proiezione accorta dei modelli climatici più avanzati di oggi sul riscaldamento globale”, ha affermato Gavin Schmidt, coautore dello studio e direttore del Goddard Institute of Space Studies della NASA. “Questa ricerca potrebbe aiutare a chiarire la confusione del pubblico circa le prestazioni dei passati sforzi di modellistica del clima”.

9. Parlando a livello logistico, il mondo non può fermare la crisi climatica.

Attraverso il miglioramento di una serie di efficienze energetiche – negli edifici, nelle centrali elettriche e altrove – e migliorando il risparmio di carburante, possiamo fare grandi passi avanti nella riduzione della quantità di emissioni di carbonio.

Meglio ancora, il prezzo dell’energia rinnovabile, compresa l’energia eolica e solare, è diminuito drasticamente negli ultimi anni, rendendo, così, fattibile una giusta transizione, scrive John Cook, ricercatore sulla comunicazione climatica.

Possiamo anche lavorare per una giusta transizione affinché la maggior parte dell’economia passi dal funzionamento con combustibili fossili al funzionamento con elettricità. Le soluzioni sono là fuori, scrive Cook.

“Non bisogna commettere errori, la transizione della nostra società verso un futuro senza emissioni di carbonio è una sfida enorme e difficile. Tuttavia, abbiamo la tecnologia necessaria: abbiamo solo bisogno della volontà politica per apportare il cambiamento. Ogni azione che intraprendiamo ora ridurrà i rischi che dobbiamo affrontare per i futuri impatti climatici “, ha scritto su BeforeTheFlood.com.

“E il costo per ridurre le emissioni è relativamente basso rispetto al costo degli impatti climatici sull’economia, che crescerà sempre di più nel tempo. Gli economisti stimano che il denaro risparmiato non agendo adesso verrà sminuito dai costi dei danni in futuro. Il vecchio detto: “un’oncia di prevenzione vale una libbra di cura ” vale ancora.

10. La situazione è senza speranza.

In quanto persone di fede, sappiamo che le cose possono cambiare. Papa Francesco ce lo ricorda nella Laudato Si ’, e negli ultimi anni lo abbiamo visto in tutto il mondo.

Nel 2015, 197 paesi si sono uniti e hanno firmato lo storico accordo di Parigi sul clima, impegnandosi a limitare la quantità di aumento della temperatura globale al di sotto dei 2 gradi Celsius e spingere per un aumento non superiore a 1,5 gradi, raggiungendo la quantità massima di emissioni di gas serra.

L’accordo rimane il  “primo accordo globale sul cambiamento climatico, universale e legalmente vincolante”.

Le linee guida ambientali rilasciate all’inizio di quest’anno dal Vaticano sono state le prime linee guida di questo tipo, ed è stata la prima volta che il Vaticano nel suo insieme ha approvato la campagna di disinvestimento dai combustibili fossili.

Quel documento è arrivato solo un mese dopo il più grande annuncio di disinvestimento da parte di istituzioni religiose. A maggio, 42 istituzioni in 14 paesi hanno annunciato il loro impegno a abolire i combustibili fossili.

Anche il movimento per prendersi cura del creato cresce ogni giorno, perché persone appassionate di tutto il mondo si uniscono per diventare Animatori Laudato Si’ e apportare un cambiamento alle loro comunità.

Laudato Si’ Movement
Laudato Si’ Movement

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments