Incontro Laudato Si’: Guida alla preghiera mensile – Maggio 2022

da | Mag 3, 2022 | Blog, Circoli, Notizie e aggiornamenti, Preghiera | 0 commenti

Credito fotografico: Cathopic. Daniella Bolaños

Rivolgersi alla madre Maria
Maggio 2022

Intenzione del mese

“Così come [Maria] pianse con il cuore trafitto la morte di Gesù, ora ha compassione della sofferenza dei poveri crocifissi e delle creature di questo mondo sterminate dal potere umano.” (LS 241)

Le Nazioni Unite hanno recentemente pubblicato un rapporto che conferma che la nostra sorella e madre Terra continua a soffrire e che noi, esseri umani, siamo la causa primaria dell’emergenza climatica e della crisi ecologica. La guerra in Ucraina continua in questo contesto di doppia crisi, mentre molte comunità in tutto il mondo sono ancora colpite dalla pandemia di COVID-19, che ha costretto milioni di famiglie in estrema povertà. Le grida della Terra e dei poveri diventano ogni giorno più forti, e il messaggio è chiaro: il tempo sta per scadere!

Il mese di maggio è dedicato a onorare Maria, nostra Madre. In mezzo alla distruzione e alla sofferenza, rivolgiamoci tutti alla nostra amorevole Madre per conforto e coraggio, mentre continuiamo la nostra opera di cura del creato. Preghiamo affinché, attraverso Maria, la discepola perfetta, ascoltiamo la chiamata a salvaguardare la creazione di Dio e a sostenere i nostri poveri fratelli e sorelle, che sono stati tutti redenti da suo figlio, Gesù Cristo, e dalla sua morte e risurrezione. Con la sua intercessione, non perdiamo mai la speranza e tutti i nostri sforzi contribuiscano al ripristino della nostra casa comune.

Vergine Maria, tutta la natura è benedetta da te

Di Sant’Anselmo di Canterbury

Beata Signora, cielo e stelle, Terra e fiumi, giorno e notte – tutto ciò che è soggetto al potere o all’uso degli esseri umani – gioite poiché attraverso di voi sono in un certo senso restituiti alla loro bellezza perduta e sono dotati di una nuova grazia inesprimibile.

Tutte le creature erano morte, per così dire, inutili per gli uomini o per la lode di Dio, che le ha fatte. Il mondo, contrariamente al suo vero destino, è stato corrotto e contaminato dagli atti di persone che servivano gli idoli.

Ora tutta la creazione è stata riportata alla vita e si rallegra di essere controllata e fatta splendere da persone che credono in Dio. L’universo gioisce con una nuova e indefinibile bellezza. Non solo sente la presenza invisibile di Dio stesso, il suo Creatore, ma vede Dio apertamente, operando e rendendolo santo. Queste grandi benedizioni scaturiscono dal frutto benedetto del grembo di Maria.

Attraverso la pienezza della grazia che vi è stata data, le cose morte gioiscono della loro libertà, e quelle in cielo sono liete di essere rese nuove. Attraverso il Figlio che era il frutto glorioso del tuo grembo vergine, le anime giuste che sono morte prima della sua morte vivificante, gioiscono quando sono liberate dalla prigionia, e gli angeli sono felici della restaurazione del loro dominio distrutto.

Signora, piena e traboccante di grazia, tutta la creazione riceve nuova vita dalla tua abbondanza. Vergine, benedetta al di sopra di tutte le creature, attraverso la tua benedizione tutta la creazione è benedetta, non solo la creazione dal suo Creatore, ma il Creatore stesso è stato benedetto dalla creazione.

A Maria Dio ha dato il suo Figlio unigenito. Attraverso Maria, Dio si è fatto Figlio, non diverso ma uguale, per natura, Figlio di Dio e Figlio di Maria. L’intero universo è stato creato da Dio e Dio è nato da Maria. Dio creò tutte le cose e Maria diede alla luce Dio. Il Dio che ha fatto tutte le cose si è dato forma per mezzo di Maria, e così ha fatto la propria creazione. Dio, che poteva creare tutte le cose dal nulla, non rifarebbe la sua creazione deturpata senza Maria.

Dio, dunque, è il Padre del mondo creato, e Maria la madre del mondo ricreato. Dio è il Padre dal quale tutte le cose hanno avuto la vita, e Maria la madre per mezzo della quale tutte le cose hanno ricevuto nuova vita. Dio generò il Figlio, per mezzo del quale tutte le cose furono fatte, e Maria lo diede alla luce come Salvatore del mondo. Senza il Figlio di Dio, nulla potrebbe esistere; senza il Figlio di Maria, nulla potrebbe essere redento.

Veramente il Signore è con voi, ai quali il Signore ha concesso che tutta la natura debba tanto a voi quanto a se stesso.

Estratti dalla traduzione inglese di The Liturgy of the Hours (Four Volumes) © 1974, International Commission on English in the Liturgy Corporation. Tutti i diritti riservati.

Con Maria, siamo chiamati ad essere la Gerusalemme di questo tempo.

“Così come [Maria] pianse con il cuore trafitto la morte di Gesù, ora ha compassione della sofferenza dei poveri crocifissi e delle creature di questo mondo sterminate dal potere umano.” (LS 241)

 “Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme (Luca 24:46-47).

Di Suor. Amelia Hendani, SGM (Sisters of The Earth Community)
Movimento Laudato Si’ – Indonesia

Suor. Amelia Hendani, SGM

Sono passati sette anni da quando è stata pubblicata l’enciclica Laudato Si’. Nonostante la risposta positiva da tutte le parti del mondo all’appello di Papa Francesco per una conversione ecologica, ci sono ancora molti che non sono stati toccati o risvegliati dalla realtà catastrofica del nostro pianeta. Di conseguenza, le nostre azioni e decisioni continuano a distruggere nostra sorella madre Terra ad un “ritmo senza precedenti”.

In questo momento cruciale, assistiamo alla Passione di Cristo ovunque guardiamo. Viene rivissuto da specie che rischiano l’estinzione, in terre spogliate di terreni fertili e disboscate, e in oceani eccessivamente sfruttati ed estratti.

Lo capiamo dal caos che segue dopo che le comunità subiscono il peso degli impatti dei disastri climatici che stanno aumentando in frequenza, intensità e grandezza e stanno diventando sempre più imprevedibili. Vediamo la sofferenza di Cristo nei volti delle persone nei paesi devastati dalla guerra mentre sono inesorabilmente condannate a morte, nelle persone che muoiono di fame e in coloro che sono costretti alla schiavitù moderna per soddisfare i nostri insaziabili desideri e bisogni.

Il Vangelo secondo Luca dice: “Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme” (Luca 24,46-47).

Il Vangelo ci chiede di essere la “Gerusalemme del nostro tempo”, un luogo dove inizia il vero pentimento. In questa nuova Gerusalemme, riconosciamo umilmente il nostro fallimento e le nostre trasgressioni contro la creazione di Dio.  Predichiamo al mondo l’importanza di cambiare il nostro modo di stare gli uni con gli altri e con tutte le creature che condividono la nostra casa.

In questa nuova Gerusalemme, riprendiamo il messaggio di San Francesco non trattando la creazione come semplici oggetti, ma vedendo in essi il volto del nostro Creatore e chiamando tutti gli elementi del creato di Dio sorelle e fratelli.

Proprio come la lettera enciclica Laudato Si’ di Papa Francesco ci ha insegnato a guardare la nostra realtà attuale in una luce totalmente diversa da come eravamo abituati, ora apriamo i nostri cuori a riconoscere la dignità e l’esistenza di tutta la creazione piuttosto che vederla per il beneficio che possiamo ottenere da essa. 

Il mese di maggio è dedicato in modo particolare a Maria, nostra Madre, la cui sollecitudine materna ci insegna a fidarci. Nel suo abbraccio, lasciamo che i nostri cuori piangano per le creature che cessano di esistere e per i nostri fratelli e sorelle che soffrono. Le chiediamo di accompagnarci nel nostro cammino e di rimanere fedeli nella nostra missione di cura del creato. Attraverso il suo amore, siamo rafforzati nella speranza che anche noi, come Gesù, risorgeremo dai morti.

Ma è solo quando apriamo i nostri cuori, quando siamo compassionevoli verso i nostri fratelli e sorelle sofferenti e verso tutto il creato e quando intraprendiamo azioni significative cambiando i nostri modi e smettendo di sfruttare la nostra sorella e madre Terra, che risorgeremo.

Deforestazione in Asia

Hearing Creation’s Cry 

Paesaggio nel Kalimantan orientale, Indonesia. Foto di Moses Ceaser/CIFOR.

L’Asia è conosciuta per le sue foreste pluviali e per la biodiversità più ricca del mondo. La regione ha anche il più alto tasso di deforestazione, considerata una piaga moderna nel sud-est asiatico. Le attività umane, che includono l’abbattimento delle foreste, hanno surriscaldato il pianeta, contribuendo alla crisi climatica.

Tutta la bellezza del creato

Ascoltare il Canto del Creato

Taman Negara National Park, Peninsula Malaysia, Malaysia. aka Colugo. Foto di David Cook.

Il lemure volante della Sonda è un piccolo mammifero notturno peloso che vive nelle giungle più remote del sud-est asiatico. Il lemure volante della Sonda è solo uno dei tanti animali unici che si trovano nelle foreste asiatiche.

Abbracciare la mia missione di cura della creazione

Storia di conversione ecologica

Di P. Ramesh Lingala
Società Missionaria Indiana

P. Ramesh Lingala

Il mio viaggio di amore e cura per la sorella e madre Terra è iniziato nel 2012 a Tarumitra, una riserva eco-bio a Patna. Essendo uno stagista per un anno, ho trascorso del tempo a capire le profonde radici degli esseri umani nell’ecologia. Un anno di esperienza mi ha portato ad un orizzonte di conoscenza, prospettive, impegni e carisma per la vita in vista  della cura del creato.

Sotto l’abile guida e supervisione del Rev. P. Robert Athickal, SJ, mi sono impegnato a parlare con diversi gruppi di studenti di varie discipline, attirando la loro attenzione sulla connessione della vita con la sua sostenibilità.

Negli ultimi cinque anni, ho insegnato eco-teologia per far rapportare gli studenti e i novizi con l’eco-spiritualità biblica e con lo sviluppo dell’eco-spiritualità nella tradizione cattolica. In questo viaggio, ho fatto comprendere agli studenti l’impegno della Chiesa a sostenere e promuovere l’eco-spiritualità attraverso i suoi insegnamenti e le sue encicliche.

Dopo la mia ordinazione nella Società Missionaria Indiana nel 2016, i miei superiori mi hanno permesso di lavorare sui miei interessi. Negli ultimi cinque anni, in collaborazione con Tarumitra e con il supporto del Rev. P. Robert Athickal, SJ, ho lavorato per costruire una riserva eco-bio ad Ashta, Madhya Pradesh.

Uno dei lavori principali che stiamo facendo è piantare 110 varietà di alberi nel campus, in particolare quelli che sono endemici e sull’orlo dell’estinzione. Ho invitato e coinvolto molte comunità religiose vicine a partecipare alle attività di piantagione di alberi nel campus. Sono stato invitato in diverse scuole per condurre seminari ed educare gli studenti sui temi dell’ambiente, spingendoli a vivere in armonia e a prendersi cura della natura. 

Come sacerdote, mi sono impegnato nella cura del creato. Attualmente, sto studiando Ecologia, Società e Sviluppo Sostenibile presso la MIT World Peace University di Pune. Il mio progetto futuro è quello di promuovere la sostenibilità per l’ecologia integrale e l’evoluzione collettiva del creato. Attraverso le scoperte scientifiche e attraverso il cammino dell’eco-spiritualità biblica, desidero essere un segno di speranza e ispirare gli altri ad abbracciare l’intera creazione con amore e cura.

San Filippo Neri
Festa del 26 maggio
Santo ispiratore

Di Patrick Laorden
Consulente Teologico del Movimento Laudato Si’

San Filippo Neri era un sacerdote italiano e un grande mistico del periodo della Controriforma. Negli anni giovanili, era conosciuto come “buon piccolo Filippo” per il suo comportamento allegro. Fu fondatore della congregazione di sacerdoti secolari e chierici conosciuta come l’Istituto dell’Oratorio di San Filippo.

Durante la sua vita San Filippo si impegnò nell’insegnamento e in molte opere di beneficenza. A Roma, preparò molti incontri religiosi, diventando così popolare che fu costruito un ambiente sopra una navata della chiesa per essere in grado di ospitare il suo pubblico. Queste stanze furono in seguito conosciute come oratori. Gli Oratoriani, una comunità da lui fondata, avrebbero continuato la tradizione di riunirsi negli oratori. Ci sono più di 500 sacerdoti che servono in 70 oratori in tutto il mondo.

Patrick Laorden

San Filippo era rispettato e amato in tutta Roma. Era conosciuto come “l’Apostolo di Roma” per la sua presenza costante e l’instancabile evangelizzazione al popolo. Divenne un consigliere fidato dei poveri, dei cardinali, dei re e del Papa.

Una delle massime di San Filippo era: “C’è generosità nel Creato che mostra la bontà del Creatore: il sole disperde la sua luce; il fuoco diffonde il suo calore; l’albero getta le braccia, che sono i suoi rami, e ci raggiunge il frutto che porta; l’acqua, l’aria e tutta la natura esprimono la generosità del Creatore”.

A papa Francesco fa eco nella Laudato si’ quando parla di come i piccoli sforzi per cambiare il mondo siano i veicoli che comunicano la bontà di Dio: “Non dobbiamo pensare che questi sforzi non cambieranno il mondo. Essi giovano alla società, spesso a nostra insaputa, perché suscitano una bontà che pur invisibile, tende inevitabilmente a diffondersi” (LS 212).

Siamo chiamati a incontrare la bontà di Dio nella creazione. Andando per le strade come fece San Filippo a Roma, possiamo portare il Vangelo del Creato alle persone che incontriamo. Il nostro coinvolgimento, per quanto piccolo, ha la capacità di comunicare la bontà della creazione di Dio.

Unisciti a noi nel celebrare la Settimana Laudato Si’

La Chiesa invita le comunità cattoliche di tutto il mondo a partecipare alla Settimana Laudato Si’ 2022.

 L’evento globale della durata di una settimana, che si terrà dal 22 al 29 maggio, segnerà il settimo anniversario dell’enciclica storica di Papa Francesco sulla cura del creato e unirà gli 1,3 miliardi di cattolici del mondo per ascoltare e rispondere al grido della creazione di Dio.

Quest’anno, con il tema “In ascolto e in cammino insieme”, i cattolici di sei continenti lavoreranno per “unire tutta la famiglia umana per proteggere la nostra casa comune” (LS 13), che è la citazione guida della Laudato Si’ per la celebrazione di una settimana.

I cattolici si rallegreranno dei progressi che abbiamo fatto nel dare vita alla Laudato Si’ e intensificheranno i nostri sforzi attraverso la nuova Piattaforma di Iniziative Laudato Si’, che sta consentendo alle istituzioni, alle comunità e alle famiglie cattoliche di attuare pienamente la Laudato Si’.

 Possiamo contare su di te per guidare la tua comunità nella preghiera urgente e nell’azione per la nostra casa comune? Unisciti a noi su LaudatoSiWeek.org/it.

Laudato Si’ Movement
Laudato Si’ Movement

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments